Vigili del Fuoco: somme approvate dal Governo insufficienti per il rinnovo del contratto, domani sit-in a Palermo

67

Le somme approvate dal Consiglio dei Ministri insufficienti per il rinnovo del contratto, il riconoscimento della categoria di lavoro usurante, la mancata tutela per gli infortuni e malattie professionali da parte dell’Inail e l’equiparazione con gli altri corpi dello Stato del comparto sicurezza. Sono solo alcuni dei punti della protesta che porterà i vigili del fuoco di Palermo, così come in tutto il Paese, a protestare venerdì prossimo 15 novembre dalle ore 9 davanti la Prefettura del capoluogo siciliano. “Perché i vigili del fuoco meritano di più”, è lo slogan della manifestazione indetta da Fp Cgil Fns Cisl e Uilpa in tutto il territorio nazionale. I sindacati hanno anche proclamato quattro giorni di sciopero i prossimi 21 novembre (dalle 16 alle 20), 2 (dalle 10 alle 14), 12 (dalle 16 alle 20) e 21 dicembre (10 – 14). “Richiameremo – spiega Ermanno Ramirez ~componente della segreteria provinciale e regionale Fns Cisl~ –  l’attenzione delle istituzioni nazionali su una situazione che grava sui Vigili del fuoco e che avrà un forte impatto economico sui lavoratori nel futuro”. Fra i punti anche la richiesta di “una maggiore valorizzazione del proprio lavoro dal punto di vista retributivo e previdenziale”. “Siamo con i Vigili del Fuoco – commenta Leonardo La Piana segretario generale Cisl Palermo Trapani – che ogni giorno rischiano per garantire la sicurezza dei cittadini. Dobbiamo molto a questo Corpo dello Stato, per questo saremo a loro fianco venerdì. Il Governo nazionale ci ascolti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.