Imprese e banche siciliane costruiscono un “ponte economico” con il Marocco

55

Imprese e banche siciliane costruiscono un “ponte economico” con il Marocco per esplorare la possibilità di mettere a sistema, con nuove joint-venture, le ricerche scientifiche, gli investimenti nei settori tradizionali con tecnologie innovative, i processi di digitalizzazione e i programmi statali di sviluppo infrastrutturale. La logica è quella di valorizzare anche in chiave “green” le rispettive risorse economiche, nell’ottica di coltivare un sogno comune ai due popoli: costruire insieme filiere di “economia circolare” che, partendo dalla capacità delle imprese siciliane tradizionali e innovative e dall’opportunità di investire in Marocco ed esportare da lì senza pagare dazi, contribuiscano alla positiva “contaminazione” dei flussi commerciali nell’area mediterranea, al reciproco sviluppo socio-economico e a difendere il pianeta dai cambiamenti climatici.

Con questi obiettivi, dopo l’incontro a Palazzo delle Aquile dello scorso 25 marzo, il Consolato generale del Marocco a Palermo organizzerà nella primavera del 2020, con Banque Centrale Populaire du Maroc, Sace Simest (Polo dell’Export e dell’Internazionalizzazione del Gruppo Cdp), Irfis-FinSicilia, Sicindustria e Banca popolare S. Angelo, una missione economica in Marocco di imprese e centri di ricerca della Sicilia, che a Casablanca incontreranno operatori economici e ricercatori selezionati dalla Banque Centrale Populaire du Maroc e dalla Confederazione generale delle imprese del Marocco, la locale Confindustria.

In preparazione della missione, mercoledì prossimo, 4 dicembre, alle ore 10, presso la sede della Banca popolare S. Angelo, in via Enrico Albanese, 94, a Palermo, le prime cento imprese che hanno già aderito all’iniziativa (dei settori engineering e costruzioni chiavi in mano, tecnologie per l’ammodernamento dell’agricoltura e dell’agroindustria, materie bioplastiche, turismo, vitivinicoltura di qualità, marmi, arredi e bioedilizia, industria meccanica tech) e alcuni centri di ricerca della Sicilia specializzati in biochimica ed energie rinnovabili metteranno a confronto i loro progetti con le opportunità offerte dal Paese ospitante. Ad illustrarle saranno i partner istituzionali della missione. Ulteriori imprese che volessero partecipare all’evento possono telefonare al numero 091/6622261.

Interverranno, fra gli altri, l’Ambasciatore del Regno del Marocco in Italia, S.E. Youssef Balla; la Console generale a Palermo, Mme Fatima Baroudi; il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando; il Direttore delle sedi italiane di Banca Chaabi (gruppo Banque Centrale Populaire du Maroc)), Abdelghani Bouanfir; il Global senior relationship manager di Sace per le Mid Corporate di Campania e Sicilia, Antonio Bartolo; il presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano; il Delegato per l’Internazionalizzazione di Sicindustria, Nino Salerno; l’A.d. della Banca popolare S. Angelo, Ines Curella; il Dirigente generale del Dipartimento regionale Agricoltura, Dario Cartabellotta.

Dopo lo scambio di interventi, di domande e di contatti per consulenza, nel pomeriggio sono previste testimonianze di imprenditori che hanno già avuto esperienze in Marocco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.