Marsala, il prof. Trapani ad Oxford per parlare dell’olio extravergine d’oliva

Il professore marsalese  Nicola Trapani, noto esperto di viticoltura ed agricoltura, è stato invitato ad Oxford per parlare degli aspetti salutistici dell’olio extravergine di oliva.

La relazione del prof. Trapani dal titolo “The Benefits of Extra Virgin Olive Oil and How to Live Better and Longer” è stata inserita nell’ambito dell’ Oxford Literary Festival, una settimana di incontri e seminari svoltasi all’interno del college, riservati a professionisti, esperti e quanti volessero approfondire l’argomento.

Di fronte ad una platea di quasi cento persone, il professore Trapani ha illustrato i benefici di un consumo giornaliero di olio extra-vergine di oliva, da sostituire a altri tipi di oli e grassi, per contribuire al benessere generale dell’organismo.

Sono noti infatti i vantaggi della tradizionale dieta mediterranea di cui proprio l’olio extra-vergine di oliva è uno degli elementi basilari  ma c’è di più.

Ricco di antiossidanti e polifenoli,

Il professore marsalese  Nicola Trapani, noto esperto di viticoltura ed agricoltura è stato invitato nei giorni scorsi ad Oxford per parlare degli aspetti salutistici dell’olio extravergine di oliva.

La relazione del prof. Trapani era inserita nell’ambito dell’ Oxford Literary Festival, una settimana di incontri e seminari svoltasi all’interno del college, riservati a professionisti, esperti e quanti vogliano approfondire l’argomento.

Di fronte ad una platea di quasi cento persone, il professore Trapani ha illustrato i benefici di un consumo giornaliero di olio extra-vergine di oliva, da sostituire a altri tipi di oli e grassi, per contribuire al benessere generale dell’organismo.

Sono noti infatti i vantaggi della tradizionale dieta mediterranea di cui proprio l’olio extra-vergine di oliva è uno degli elementi basilari  ma c’è di più.

Ricco di antiossidanti e polifenoli, contribuisce alla lotta contro i radicali liberi ed un’azione benefica sia nella prevenzione dell’infarto che dei tumori.

Il prof. Trapani ha spiegato alla platea inglese come tutto ruoti intorno alla capacità di questo alimento di intervenire sulla regolazione dei livelli di colesterolo circolanti nel sangue. Con il consumo di extravergine d’oliva i livelli di colesterolo “cattivo” si abbassano mentre rimangano inalterati  quelli dell’HDL.

Una vera  e propria medicina naturale di cui ovviamente non bisogna però fare abuso.

I benefici maggiori si ottengono con in consumo a crudo ma, a differenza di quanti molti credono, è ottimo anche per le fritture: avendo un punto di fumo molto alto, l’extravergine di oliva è staile anche ad alte temperature. E’ quindi preferibile anche in questo caso ad altri oli che, avendo un punto di fumo più basso, producono più velocemente sostanze nocive.

o extravergine di oliva contribuisce alla lotta contro i radicali liberi ed ha un’azione benefica sia nella prevenzione dell’infarto che dei tumori.

Il prof. Trapani ha spiegato alla platea inglese come tutto ruoti intorno alla capacità di questo alimento di intervenire sulla regolazione dei livelli di colesterolo circolanti nel sangue. Con il consumo di extravergine d’oliva i livelli di colesterolo “cattivo” si abbassano mentre rimangano inalterati  quelli dell’HDL.

Una vera  e propria medicina naturale di cui ovviamente non bisogna nemmeno fare abuso.

I benefici maggiori si ottengono con in consumo a crudo ma, a differenza di quanti molti credono, è ottimo anche per le fritture: avendo un punto di fumo molto alto, l’extravergine di oliva è stabile anche ad alte temperature. E’ quindi preferibile anche in questo caso ad altri oli che, avendo un punto di fumo più basso, producono più velocemente sostanze nocive.