A Catania il “Festival Nazionale dell’Economia Civile”,continuano i lavori nei territori

111

Catania per due giorni (12 e 13 dicembre) è stata il fulcro di laboratori dedicati a studenti, giovani e universitari che vogliano “fotografare” il proprio territorio e i bisogni ad esso connessi, per progettare soluzioni e startup da candidare alla seconda edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile.

Anche quest’anno, il Festival si terrà a Firenze – nel Salone dei Cinquecento – dal 17 al 19 aprile, in forma del tutto gratuita e aperta a tutte le “contaminazioni” proprie della generatività dell’innovazione sociale.

Il Festival Nazionale dell’Economia Civile, alla sua seconda edizione nel 2020, ha colpito nel segno già dalla precedente edizione: sold out per tutte le sessioni di discussione e scambio; 10 imprese “ambasciatrici dell’economia civile” a raccontarsi sul palco e 10 startupper entusiasti e preparati, che hanno lanciato spunti di innovazione sociale, poi diventati realtà nel 60% dei casi.
Protagoniste indiscusse le personalità dell’economia civile, le aziende, le startup e le scuole, che insieme possono costruire e rigenerare quotidianamente i territori, partendo dai reali bisogni percepiti localmente.

A Catania è continuato, quindi, il percorso di Hackathon dell’economia civile all’interno del ventesimo Happening della Solidarietà, in collaborazione con il Consorzio Sol.Co Rete di Imprese Sociali Siciliane e Fondazione Ebbene e con il supporto dei tutor Francesco Stagno d’Alcotres (iDiB Group), Mirko Viola (Tree PMI Innovativa), Davide Arcidiacono (Università degli Studi di Catania) e Graziano Cipollina (Banca Sicana).

L’evento si è svolto all’interno del Zō Centro Culture Contemporanee, che è un esempio di innovazione socio-ambientale e di riqualificazione di ex edifici industriali. Una vecchia fabbrica di zolfo, adibita alla lavorazione del materiale estratto dalle miniere dell’entroterra siciliano che grazie all’intervento dell’architetto Nigel Allen avvenuto nel 2001, è divenuto negli anni il marchio distintivo di un’idea di dialogo interdisciplinare tra le arti performative e culturali del territorio unica nel territorio e dall’ indiscusso interesse pubblico.

Come per la precedente edizione, l’organizzazione e realizzazione di laboratori e hackathon per il Festival sono affidate a NeXt – Nuova Economia Per Tutti in collaborazione con le sedi territoriali di Bcc – Banca di Credito Cooperativo e Confcooperative.

I giovani innovatori si daranno poi appuntamento a Firenze, dal 17 al 19 aprile 2020 al Festival Nazionale dell’Economia Civile nato da un’idea di Federcasse, finanziato da Federcasse e Confcooperative, organizzato e progettato da NeXt – Nuova Economia per Tutti e SEC – Scuola di Economia Civile.

Saranno 3 giorni dedicata all’economia civile e coinvolgeranno 16 regioni, più di 2000 giovani tra i 15 e i 25 anni, 2 incubatori sociali, 15 università e alcuni dei contamination lab disseminati su tutto il territorio nazionale (www.festivalnazionaleeconomiacivile.it).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.