Marsala, il Consiglio comunale approva debiti fuori bilancio per 275mila euro

80

L’Assise cittadina marsalese nella seduta di ieri pomeriggio ha prelevato e approvato tre debiti fuori bilancio per complessivi 275 mila euro. Il più consistente ha riguardato il pagamento di una differenza per un esproprio a Salinella di oltre 271 mila euro. La seduta di ieri si è aperta con le comunicazioni dei consiglieri che sono state diverse e articolate. Nel corso dei lavori, coordinati dal Presidente Enzo Sturiano, il vice Sindaco Agostino Licari ha fatto presente ai Consiglieri che il Comune di Marsala, come tutti gli altri dell’isola, sono in grosse difficoltà a causa della considerevole riduzione dei trasferimenti. Il Consiglio tornerà a riunirsi già domani (inizio ore 16,30).

Comunicazioni

Avviati i lavori d’aula al secondo Appello, ecco le comunicazioni dei vari consiglieri:

Il vice Presidente Arturo Galfano lamenta le condizioni “pietose”in cui versa l’isola ecologica del Salato. Torna a segnalare la discarica abusiva accanto all’isola ecologica e lo stato in cui versa la zona di San Gerolamo, dove vi è anche pericolo fisico per i passanti a causa dei pezzi di ferro che spuntano dal pavimento e che servono per ancorare i blocchi rotondi di pietra tipici della piazza.

Il consigliere comunale Aldo Rodriquez fa presente che da 15 giorni è iniziato il trasferimento degli uffici urbanistica e tecnico nella nuova sede dell’ex Palazzo di Giustizia. Chiede che la sede dell’Ufficio Tecnico venga adesso assegnata all’Avis.

Il consigliere Letizia Arcara chiede lumi sulla struttura socio-assistenziale “Casa di Riposo Giovanni XXIII” che starebbe per essere assegnata ad una cooperativa. Parla di un progetto che coinvolge diversi studenti marsalesi di cui non ha saputo più nulla e che riguarda la riqualificazione delle periferie.

Il consigliere comunale Mario Rodriquez lamenta la presenza di alghe sulla litoranea Marsala-Petrosino.

La consigliere Linda Licari chiede di sapere a che punto è il regolamento sul Garante per le persone con disabilità.

Il Presidente Sturiano fa presente che si è in attesa di ricevere dall’Ufficio Assistenza la delibera con la proposta di regolamento.

Il consigliere Calogero Ferreri si compiace con l’Amministrazione per gli addobbi nel centro città ma lamenta che la periferia è senza addobbi natalizi.

Il consigliere Michele Gandolfo chiede di sapere perché la Presidente, da tempo, non convoca la Commissione servizi sociali.

Il Presidente Sturiano enuncia che sulla Casa di Riposo vi sono stati diversi incontri in Prefettura sui quali l’Amministrazione non ha relazionato ai cittadini.

Il Presidente Sturiano propone il prelievo dei punti 10,11,12,13 e 14 (debiti fuori bilancio).

La consigliera Linda Licari propone il prelievo e la discussione del regolamento delle entrate.

Il consigliere Giovanni Sinacori propone il prelievo della delibera sul Baratto Amministrativo.

Il vice Sindaco Agostino Licari inizia il suo intervento muovendo critiche all’operato del Governo regionale che ha ridotto di quasi i 2/3 i trasferimenti ai Comuni per ripianare un disavanzo del settore sanitario. Per il Comune di Marsala la riduzione del trasferimento regionale, rispetto all’anno precedente, è di un milione e 235 mila euro. Una somma consistente che per la maggior parte era destinata al pagamento delle quote capitale delle rate dei mutui. Così facendo i Comuni rischiano il default o ci saranno ripercussioni sui cittadini che saranno costretti a pagare più tasse. Per questo il Sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, andrà a Palermo per attivare ogni forma di protesta in sintonia con l’Anci Sicilia che in funzione della gravità dei tagli proposti potrà portare – anche – alla consegna delle chiavi dei Comuni al Presidente della Regione. Comunica che il Comune di Marsala ha ridotto da 21 a 14 milioni il disavanzo mentre la Regione lo ha aumentato di oltre un miliardo di euro e ciò a discapito dei siciliani.

Sull’isola ecologica del Salato chiarisce che non si possono asfaltare altre zone e che non si può intervenire nell’aree limitrofe perché non di proprietà comunale. Sottolinea che diversi sono stati gli interventi in piazza San Gerolamo per ovviare ai danni dei vandali. Ribadisce che per l’Avis la sede scelta è quella dell’ex scuola della Cannata. Sulla Casa di Riposo solleva che vi sono due problemi: uno quello degli anziani trasferiti in altre strutture; l’altro quello del personale che vi lavorava e che è rimasto senza lavoro e senza stipendio. Fa presente che vi sono più cooperative che sono disposte a gestire la Casa di riposo. Parla della riqualificazione dei villaggi popolari. La manutenzione del lungomare Mediterraneo è di competenza dell’ex Provincia. Sulle luminarie si è operato con parsimonia non trascurando la periferia dove si sta completando l’addobbo.

Chiede che il Consiglio tratti la delibera sulle partecipate entro il 31 dicembre per evitare una sanzione di 5000 euro.

La seduta viene sciolta sono le ore 19,50

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.