Marsala: stagione teatrale

45

Continua la programmazione della Stagione Teatrale promossa dal Comune di Marsala. Dopo Renga, Mannoia e, ieri sera, l’altro straordinario concerto della PFM,
questa settimana il cartellone propone altri tre spettacoli.
 
– Venerdì 20GIOVANNI ALLEVI (Teatro Impero, ore 21)
Un viaggio intenso, a partire dai grandi capolavori della storia per coro e orchestra, fino agli emozionanti inediti per trascorrere “in musica” la gioia e la magia delle feste natalizie. È quanto riserva “Hope Christmas Tour”, il concerto di Giovanni Allevi con il suo inconfondibile pianoforte, circondato per l’occasione dal Coro dell’Opera di Parma, dall’Orchestra Sinfonica Italiana e dal Coro dei Pueri Cantores della Cappella Musicale del Duomo di Milano. Sempre più spesso in jeans, T-shirt e scarpe da ginnastica, Allevi si è esibito nei teatri più prestigiosi del mondo stregando con le sue note milioni di giovani, affascinati dalla sue innovative composizioni volte a gettare le basi di una nuova Musica Classica Contemporanea. Un riconoscimento universale del suo talento cui la NASA, l’Agenzia Spaziale Americana, ha dedicato un asteroide: giovanniallevi111561.

– Sabato 21, PINA VOLANTE, Giusy Barraco a muso duro (Teatro Sollima, ore 21)
“Una storia senza miracoli” di una bambina siciliana che corre, gioca e che, improvvisamente, disturbi più o meno gravi legati alla deambulazione la costringono ad una serie di “viaggi della speranza”. Ma la neuropatia sensitivo-motoria (la tremenda diagnosi) porta Giusy a reagire: lascia perdere l’autocommiserazione meridionale e, addirittura, diventa campionessa para-olimpica di nuoto. Lo spettacolo non è solo la storia della campionessa si racconta, ma della donna che si sposa e che vuole vivere normalmente.“Qui si parla di una vita che non si rassegna ad essere solo la propria carrozzina, delle sue difficoltà e dei suoi entusiasmi”, afferma il regista Giacomo Bonagiuso. Il teatro è il luogo giusto per questa storia, perché il teatro non fa sconti, e non fa leva sul dolore. Lo rende semmai umano. E noidi una storia che parli di una donna ad altre donne, e agli altri uomini, abbiano comunque bisogno”.

– Domenica 22, AIDA SATTA FLORES & BAND (Teatro Sollima)
È una delle signore della musica italiana, ma è anche una compositrice molto attenta alle parole: bellezza, poesia, coraggio, voglia di fare, giustizia, amore. E qui, alla maniera di Aida, il concetto del Natale – che nella religione cristiana è legato alla nascita del Redentore – diventa invisibile e visibile filo conduttore per un vivere civile, di pace, fratellanza, condivisione: il tutto, accompagnato da immagini e digital art di Leonardo Bruno. In scena, con Aida, la band composta da Alessandro Valenza (pianoforte), Davide Inguaggiato (contrabbasso) e Davide Rizzuto (violino).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.