Marsala 2020, tra lunghe attese e tavoli che saltano

Passate le feste e iniziato il nuovo anno, giunge, il momento di delineare il percorso che la prossima primavera porterà i cittadini marsalesi al voto.

Gennaio, sembra essere il mese della svolta, che porterà alla scelta dei candidati sindaco per le città di Marsala, ma anche quello in cui, si formeranno le coalizioni che porteranno all’elezione dello stesso.

Questo è il mese in cui il sindaco in carica Alberto Di Girolamo, scioglierà la riserva su una sua eventuale ricandidatura. La scelta dei candidati sindaci, inevitabilmente ricade anche da questa scelta.

Molti, sarebbero orientati ad aspettare l’esito del processo a carico dell’ex sindaco Giulia Adamo, che al momento comunque, non ha manifestato pubblicamente la sua intenzione.

Il tavolo così detto dei moderati, non ha ancora trovato il bandolo della matassa, per giungere ad una candidatura condivisa, anche dal centro destra.

Nel frattempo, è ritornato a far parlare di sé l’ex sindaco Renzo Carini, chiarendo cosa vorrebbe lui per la città ma, non confermando una sua eventuale disponibilità a candidarsi.

Salvatore Ombra, dichiara, al momento, di non volersi candidare, ma lascia la finestra aperta.

Nicola Fici, continua con i suoi incontri con gli esponenti politici cittadini e società civile e rimane in attesa, di capire cosa ne sarà della sua candidatura, e chi ne farebbe parte.

Diego Maggio, continua anche lui a portare avanti le sue idee per rilanciare Marsala.

I cinque stelle lavorano per sviluppare un buon programma ammnistrativo, ma ancora non hanno un nome da ufficializzare.

Il centro destra, formato da Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Udc, cerca di prendere in mano la situazione, ma sono ancora molti i nodi da sciogliere.

Qualcuno si chiede, cosa intende fare la deputazione marsalese. Marsala infatti, conta due deputati regionali. Il deputato di Forza Italia Stefano Pellegrino, che lo scorso 2 gennaio ha subito un delicato intervento, ed Eleonora Lo Curto dell’UDC, la quale, lo scorso sabato 4 gennaio, ha tentato d fare un incontro tra esponenti marsalesi del centro destra e moderati, rivelatosi però un flop. Alla riunione, convocata a casa sua, avrebbero partecipato solo Paolo Ruggieri, e sembra, Renato Curcio per Diventerà Bellissima. Non erano presenti, Massimo Grillo, Enzo Sturiano, Arturo Galfano, Ignazio Chianetta, Giovanni Sinacori, Massimo Domingo (FdI), Mauro Plescia (Lega), etc. Sembra proprio, che questo tavolo, abbia ancora tanto da chiarire.

Nel frattempo, tra lunghe attese e tavoli che saltano, i cittadini marsalesi cominciano ad essere sempre più spazientiti.