Valle del Belice, Miccichè: “Territorio pronto a essere rilanciato”

793

A 52 anni dal violento terremoto che colpì la Valle del Belice, si è svolta lunedì scorso a Salaparuta una tavola rotonda dal tema “Belice: 1968: dal ricordo della tragedia alle prospettive di sviluppo e valorizzazione del territorio”.

L’incontro, fortemente voluto dall’onorevole Toni Scilla, dal Sindaco di Salaparuta Vincenzo Drago e dal Presidente del Consiglio Comunale Antonino Cinquemani, ha visto riunirsi tutti i Sindaci del comprensorio ed è stato arricchito anche dalla presenza del Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, on. Gianfranco Miccichè.

Partendo quindi dal ricordo di quanto accaduto 52 anni fa, i lavori della giornata si sono concentrati soprattutto sull’attualità e su quello che si dovrà fare per il rilancio dell’interno comprensorio che ancora oggi subisce gli effetti della tragedia di allora.

Il territorio, hanno dichiarato ad una sola voce i Sindaci e i rappresentanti delle istituzioni presenti, è pronto per essere rilanciato sia sotto il profilo culturale che turistico.

“Il progetto c’è – assicura Miccichè – ed anche i fondi per realizzarlo”.

“A noi tocca, mettere insieme le proposte necessarie – ha aggiunto il Sindaco Drago – I Comuni del Belice sono legati da quella tragedia ma lo saranno anche nella costruzione di un futuro di crescita”.

Tante ancora le problematiche da risolvere. “Questa è una comunità che ha sofferto e continua a soffrire”- ha detto il Presidente del Consiglio Comunale di Salaparuta, Antonino Cinquemani che ha parlato di mancanza del diritto alla salute in riferimento al declassamento dell’Ospedale di Castelvetrano e allo spostamento del 118 dal Comune di Salaparuta.

L’approfondimento nelle nostre interviste.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.