M5S vicino agli ex lavoratori Ipab “Ruffini”. Zito e Schillaci: “Siamo al paradosso, Musumeci trovi la soluzione”

100

“Siamo vicini agli ex lavoratori dell’Ipab ‘Ruffini’ di Palermo, licenziati due anni fa e rimasti senza stipendio e senza ammortizzatori sociali. Speriamo che all’appuntamento del 12 febbraio a Palazzo d’Orleans il governo sappia trovare le giuste soluzioni per restituire dignità a questi siciliani e alle loro famiglie”. 

Lo dicono i deputati regionali Stefano Zito e Roberta Schillaci, del Movimento 5 Stelle, oggi scesi in piazza davanti a Palazzo d’Orleans, in segno di solidarietà con i lavoratori dell’Ipab. Il Movimento si è occupato in più occasioni della loro causa, con una mozione, una serie di richieste di accesso agli atti, note inviate all’assessorato della Famiglia e due audizioni. Sul problema delle Ipab in generale è fermo all’Ars un disegno di legge di riforma, prima firmataria Angela Foti.  

“Nonostante questa raffica di sollecitazioni – riferisce Zito – il governo non ha ancora dato alcuna risposta. I lavoratori sono dipendenti pubblici e dovrebbero essere ricollocati in un’altra amministrazione, ma questo passaggio non può avvenire. Non è stata infatti chiesta l’estinzione dell’Ipab e auguriamo che la Regione nomini il proprio componente nel Cda dell’Ipab. Si provveda, chiudendo questo annoso problema”. 

“Una situazione incredibile – aggiunge Schillaci – con lavoratori rimasti nel limbo perché da un lato ritenuti dipendenti privati, quindi licenziati, dall’altro considerati pubblici, quindi addirittura non idonei a ricevere la Naspi. Un paradosso sul quale va fatta chiarezza con provvedimenti decisi che il governo Musumeci non può più rinviare”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.