Libertas, con Barcellona comincia il ciclo decisivo

109

Primo appuntamento domani di una serie di gare, quasi tutte difficili e con squadre di alta classifica, che dovranno servire a svelare la vera identità e il carattere di un quintetto che, a causa anche di tantissimi infortuni, non è riuscito finora a dare continuità. A partire dal match con l’Or.Sa. Barcellona, in programma domani al “PalaTreSanti”, la Libertas si troverà ad affrontare altri quattro veri e propri banchi di prova. Seguiranno infatti la trasferta di Acireale che metterà in palio il sesto posto, quindi il match interno con il lanciatissimo Basket School Messina, poi la visita a Catania alla capolista Alfa e ancora gara esterna in casa di un’Orlandina Lab notevolissimamente  rafforzatasi, infine  il confronto interno con Comiso, altra squadra di vertice, per poi chiudere la regoular-season con Cus Catania e Giarre.

Insomma uno scorcio di stagione in cui i ragazzi di coach Ferrara avranno da “leccarsi le unghia” davanti ad appuntamenti che, per forza di cose, devono far raddoppiare interesse, energie e determinazione. Già domani sono tanti gli ingredienti capaci di rendere il match con Barcellona alquanto interessanti. Innanzitutto la sfida a distanza fra i connazionali argentini Andrè da un lato, Alberione e Beto Manzo dall’altra. Poi i recenti colpi della squadra ospite che, dopo avere ribadito di non avere attualmente le condizioni per puntare al salto in serie B, ha messo a segno tre colpi: i rientri di Davide Vavoli e dell’italo-americano Paolo Mancasola nonché l’ingaggio del fratello di quest’ultimo, Matteo, ottimo “prospetto” diciannovenne. In pratica i barcellonesi non potranno nascondersi più e cercheranno adesso di avvicinarsi quanto più possibile alla vetta della classifica, adesso a sei lunghezze.

La Libertas, dal suo canto, dopo la vittoria con Adrano e la prova di carattere, scenderà in campo con il giusto entusiasmo e con alcune certezze. Dragna sta ritornando ad essere il “drago” che tutti conoscono e temono, Giusti e Andrè, che avevano concluso malconci contro gli etnei, hanno recuperato così come Tagliareni che in settimana aveva accusato alcuni dolori alla schiena.

Di fronte al pubblico amico e in apertura di un ciclo di partite a dir poco decisivo, nessuno in casa Alcamo intende mollare ed anzi, al contrario, vuole ribadire compattezza e qualità. D’altro canto un secondo successo consecutivo provocherebbe ben altre premesse per la prossima gara, quella di Acireale, dove la Libertas vorrà vendicare l’onta subita all’andata e provare a giocarsi tutte le sue carte per acciuffare la sesta posizione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.