domenica, Marzo 3, 2024
HomeCulturaCinema & TeatroRaiPremium: in prima visione assoluta "Inutilmente Figa"

RaiPremium: in prima visione assoluta “Inutilmente Figa”

Inutilmentefiga è un “One Woman Show” in cui Elda Alvigini, romana di origine, ma con anima siciliana (mamma di Palermo), ci prende per mano e ci conduce nell’animo femminile, dall’infanzia all’adolescenza e fino all’età della ragione. Su Rai Premium, in prima visione assoluta, venerdì 21 febbraio in seconda serata

Lo spettacolo racconta la condizione di molte “quarantenni” di oggi; quasi sempre figlie di ex sessantottini, laureate, belle, con un buon lavoro e spesso separate con figli. Sono donne intelligenti e sensibili… almeno così si vedono loro… e non capiscono, ma proprio non capiscono, perché non hanno un uomo!

Le donne oggi sono colte, intelligenti, socialmente realizzate e godono di una grande libertà, almeno apparentemente. In realtà è praticamente loro proibito godersi appieno la vita senza rinunce, con frustrazioni antiche, costrette a subire rapporti affettivi ricattatori.

La protagonista di questo spettacolo teatrale è una vera e propria anti-Barbie dipendente dal suo cellulare e in continua trasformazione: madre, figlia, compagna, attrice e soprattutto single. Il cellulare è il vero compagno di vita. Le telefonate della madre, dell’amica e l’attesa angosciante di una risposta a un sms inviato all’inizio dello spettacolo…

Un ironico e travolgente monologo scritto a quattro mani da Elda Alvigini e Natascia Di Vito che indaga sull’universo delle quarantenni di oggi cresciute con la consapevolezza delle lotte per la libertà e le pari opportunità femminili, ma che pagano una visione idealizzata del padre che spesso fa fuggire gli uomini, lasciandole in alcuni casi sole e “inutilmente fighe”.

“E’ lui! Si finalmente mi ha mandato un sms!! “Ma il supermercato è aperto la domenica?” …cosa vuole dirmi? Si perché noi donne negli sms e nei uozzap ci vediamo cose! E prima di trarre facili conclusioni chiamiamo le amiche! “Ma secondo te che mi avrà voluto dire?”

E li le ipotesi le più varie, perché l’sms non è che tu lo leggi e vuol dire quello che c’è scritto, no, l’sms non è di chi lo scrive, ma di chi lo riceve!”

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS