Coronavirus: a Marsala locali affollati, ignorato il rischio contagio

1191

La domenica pomeriggio marsalese, che ha coinciso con la festa dell’8 marzo, ha rappresentato in maniera chiara la nostra mentalità: “tanto a noi non capita nulla”. Il dubbio di essere incubatore di corona virus, di poter contagiare un familiare più vulnerabile, un anziano o un bimbo, di mettere a rischio la sua vita non è sufficiente a fa valere senso civico e pazienza?

C’è un’epidemia che si diffonde in modo sconsiderato e fa vittime. Ci sono provvedimenti governativi chiari che dobbiamo solo rispettare. Sono state chiuse scuole, chiese, tribunali, c’è uno stop delle attività mai verificato prima. Sacrificare le proprie abitudini per una settimana, dieci giorni, quindici, è un gesto di responsabilità verso sé stessi. 7000 siciliani hanno fatto rientro dal nord; molti di loro hanno preso l’emergenza come una vacanza; chiediamoci se qualcuno potrebbe essere stato contagiato. I numeri sono importanti, e vista la facilità di trasmissione del virus, la probabilità è alta. Pertanto è da incoscienti ed è rischioso frequentare locali, aggregarsi al chiuso. Ognuno di noi nel proprio piccolo deve agevolare l’impegno di chi si sta attenendo alle regole previste: quarantena obbligatoria per chi viene dalle zone rosse; riduzione degli spostamenti; evitare zone affollate; distanza di sicurezza da un’altra persona; rispetto di norme igieniche. La nostra accortezza, oggi, può scongiurare i disagi di gestione dei casi infetti presso le strutture sanitarie siciliane, che già nell’ordinarietà soffrono di grandi carenze. Abbiamo alternative meno rischiose, che ci consentono comunque di passare bene il tempo: dedichiamoci alla lettura, agli hobby all’aria aperta, attendiamo il cambio di temperatura che da noi arriva presto e segnerà di certo un punto di svolta, approfittiamo della nostra aria di mare, che diamo spesso per scontata, e che è il miglior rimedio a mille altre patologie.

Antonella Lusseri

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.