Figuccia: “coronavirus effetto della globalizzazione selvaggia”

“Coronavirus? Solo uno dei tanti effetti cui dovremo abituarci nei prossimi anni, a causa della globalizzazione selvaggia, dello scambio non controllato delle merci e della mobilità umana talvolta senza vere ragioni. La spasmodica ricerca di successo e di felicità illusoria, si riducono a niente quando si devono fare i conti con i limiti naturali dell’essere umano, con la malattia e la pandemia. L’egoismo dell’uomo sta distruggendo l’ambiente, la natura e le stesse relazioni tra le persone. Cambiamenti climatici, scarsezza di risorse materiali, di energia e persino di cibo in troppe parti del mondo, erano già indicatori chiari del fallimento di un’azione umana spregiudicata e cinica ai limiti della sopportabilità. Cosa fare? Già nelle scorse settimane avevo fatto un appello all’auto controllo e al senso di responsabilità. Avevo detto che non aveva senso chiudere le scuole e lasciare aperti porti, aereoporti,  strade e luoghi affollati di incontro. Personalmente ritengo che siamo al tramonto di un ciclo della storia dell’umanità, dove consumismo, lotta del capitale e del potere per il potere, l’hanno fatta da padrone per troppo tempo. Servirà adesso tornare a mettere al centro l’uomo, la solidarietà e la sussidiarietà tra piccoli gruppi di persone. Adesso saremo costretti a ridurre le nostre frequentazioni e a modificare gli stili di vita. Un’occasione per tornare alle cose semplici, per occuparci dell’essenzialità della vita. Gli impatti economici di questa fase saranno pesantissimi e tracceranno il solco di una piena recessione per molti paesi, tra cui inevitabilmente anche l’Italia. Le grandi Città saranno quelle a risentirne di più, per cui è facile immaginare che le aree più interne, i centri più piccoli e a maggiore vocazione rurale potranno offrire maggiori occasioni per una migliore qualità della vita, lontano dagli sprechi, dalle contaminazioni e dalle bruttezze della crisi e del degrado. Sconfiggere il Coronavirus tornando alle nostre radici, ovvero a quelle di un popolo che ha dimostrato di essere in grado con coraggio di affrontare e superare avversità di ogni tipo. Dobbiamo ricercare nella nostra memoria e ascoltare la voce dei nostri antenati. Trascorrere più tempo a casa non per paura, quindi, ma per consapevolezza e senso di appartenenza alla comunità. Consumare cibi semplici e bere  bevande calde,  nella tradizione delle antiche ricette della nonna. Basterà seguire il buon senso usando la testa, senza farsi prendere dal panico. Avviare processi di empatia e collaborazione con l’altro a partire dai vicini continuando con gli operatori sanitari che, sempre più, dovranno lottare con abnegazione all’interno delle strutture ospedaliere per fare fronte all’emergenza. Avere la consapevolezza che attenendoci alle ordinanze con responsabilità, potremo superare questo momento di difficoltà. L’umanità come l’abbiamo vissuta è in crisi e presto c’è ne renderemo conto. Viviamo l’opportunità”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc.