Marsala: l’Itet Garibaldi ha adottato le “G Suite for Education”

A partire da quest’anno scolastico 2019/2020 L’ITET GARIBALDI DI MARSALA ha adottato le “G Suite for Education”, un insieme di applicativi messi a disposizione da Google per le scuole, al fine di facilitare, sostenere e motivare l’apprendimento attraverso le nuove tecnologie. L’account Google for Edu è attivo per tutti i docenti. L’obiettivo di questa iniziativa è stato quello di ottimizzare, attraverso le tecnologie di rete, la circolazione delle informazioni interne, come le comunicazioni, la documentazione (ad es. modulistica per consigli di classe), la gestione degli impegni (ad es. convocazioni, scadenze, ecc.) e creare un archivio di materiale didattico condiviso. L’accesso alla Piattaforma ha consentito la creazione di una casella di posta elettronica Gmail personale e protetta, l’utilizzo di uno spazio di archiviazione Cloud illimitato attraverso Google Drive; la creazione, la condivisione e l’uso di file sia durante le attività didattiche che il lavoro a casa infatti, ogni alunno accede ai propri file o a quelli condivisi con il proprio gruppo dovunque ci sia connessione Internet, anche utilizzando il proprio PC, tablet, smartphone o altri dispositivi personali.

Da venerdì 6 marzo, cioè dal giorno di sospensione delle attività didattiche e la richiesta da parte del MIUR di utilizzo della didattica online, il nostro Istituto grazie a questa importante applicazione ha attivato per tutte le classi Google Classroom, un ambiente cloud sicuro, progettato per stimolare in modo specifico gli apprendimenti, per aiutare gli insegnanti a creare e raccogliere i compiti senza ricorrere a supporti cartacei e per fornire materiali di studio e di riflessione. I servizi di GSuite for Education, non includono annunci promozionali, non utilizzano mai i contenuti o i dati degli studenti a fini pubblicitari. Essi inoltre hanno un valore fortemente inclusivo, in quanto consentono agli studenti di imparare a lavorare in modo collaborativo e condiviso, tenendo conto delle capacità di ciascuno

“Oggi siamo chiamati al cambiamento. Abitudini ormai inveterate subiscono un ‘inversione di marcia. La socialità è stata in questo frangente riscritta”, dice il Dirigente Scolastico dell’Itet “G.Garibaldi”, Loana Giacalone. “La scuola, da sempre comunità educante capace di generare convivialialità relazionale, intessuta di linguaggi affettivi ed emotivi, è chiamata ancora una volta in causa a dare il suo straordinario contributo. Lo fa adesso attraverso la dimensione digitale, come realtà indiscutibile e già metodologicamente incardinata nella sua natura di istituzione al passo con i tempi. Nulla di nuovo per la scuola. La “Scuola digitale” esiste già. Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale ha contribuito già al “decollo” della dimensione digitale nella Scuola all’insegna di uno dei suoi slogan più noti “La “scuola digitale” non è un’altra scuola”. La scuola, inserita in un “sistema aperto” ed “autopoietico” , come luogo dell’”intenzionalità educativa”, “in uno scambio tra interno ed esterno che rivoluziona continuamente il suo assetto strutturale in funzione di emergenze che devono essere controllate, assume funzionalmente il ruolo di “traghettatore”. E se il cambiamento è sempre un processo generativo e produce qualcosa di nuovo, di creativo rispetto alle conoscenze e ai modelli procedurali consolidati, allora, questo cambiamento è già cominciato. Si tratta ora di metterlo a sistema. LA SCUOLA NON SI FERMA. Non si ferma il processo formativo, non si ferma il rapporto straordinario tra docenti e studenti, tra scuola e famiglie, tra professionalità indiscusse. Si sposta solo il luogo dell’incontro formativo, da ambiente fisico, ad ambiente virtuale, che poi è un ambiente in cui i nostri ragazzi, lo sappiamo bene, si trovano estremamente a proprio agio”.