Tutta Italia diventa zona rossa. A Marsala non c’è neanche la sede del C.O.C.

202

A Marsala, tanto per cambiare, molte cose vengono prese sottogamba, è il caso anche dell’emergenza Coronavirus. Mentre esce il decreto del Premier Conte, con la quale, di fatto, dichiara tutta l’Italia zona rossa. A Marsala, si scopre che da mesi, non c’è una sede destinata per il C.O.C. (Centro Operativo Comunale) della Protezione Civile. Senza che questo vogliamo precisare, influisca sulle decisioni da prendere, o sull’operatività della Protezione Civile locale. L’ultima sede conosciuta C.O.C., era al Palazzetto dello Sport, tolta, al momento dell’avvio dei lavori di sistemazione dell’impianto, e non più ripristinata.

Nei giorni scorsi, il C.O.C. è stato convocato nella Sala Giunta del Comune, dalla Comandante dei Vigili Urbani di Marsala Michela Cupini, che ne è attualmente responsabile, insieme al sindaco Alberto Di Girolamo, procedendo all’attivazione delle prime disposizioni emanate dal Governo. Dispiace constatare però, che ancora una volta, tendiamo a sottovalutare le cose che potrebbero sembrare superflue, ma non lo sono. Non bisogna arrivare ad affrontare una emergenza, sanitaria in questo caso. Per scoprire che dopo tutto questo tempo, l’amministrazione comunale non ha trovato una sede idonea per il C.O.C.. Vogliamo ricordare infatti al sindaco, in qualità di capo dell’amministrazione comunale, che queste cose vanno previste anzitempo, e non quando l’emergenza è in corso.

A questo punto ci viene da chiedere al sindaco, in qualità di responsabile della sanità cittadina e della Protezione civile. Dove si trova la sede del C.O.C. a Marsala? Esiste un Piano di Emergenza? Quali sono gli interventi attivati?