Il M5s propone a Pogliese di rinviare la scadenza della prima rata Tari

Nell’attuale incertezza dei tempi di risoluzione dell’emergenza COVID-19, sarebbe opportuno rinviare la scadenza dei termini di pagamento degli avvisi Tari di almeno 60 giorni.

E’ la proposta, protocollata oggi, che il gruppo consiliare del M5s, primo firmatario Giuseppe Fichera, ha rivolto a Pogliese, alla luce della dichiarazione di pandemia dell’Oms e dei recenti Decreti ministeriali.

Le recenti circostanze – commentano i consiglieri del MoVimento – hanno determinato un’evidente situazione di difficoltà nell’ambito sia sanitario che economico. E proprio in questi giorni i cittadini catanesi stanno ricevendo gli avvisi per il pagamento della prima rata dell’imposta Tari, che scadrà il 30 marzo 2020.

Inoltre – sottolineano – la popolazione anziana, in un momento in cui tutti sono invitati a rimanere a casa, sarebbe costretta ad uscire per il pagamento, sovraffollando le attività commerciali che svolgono questo servizio.

“Spero che il sindaco accolga presto questa nostra richiesta in modo da poter dare una boccata d’ossigeno a tutti i cittadini che, obbligati a rimanere a casa in questo difficile momento, ne hanno davvero bisogno” dichiara il consigliere Fichera.