Coronavirus, Ficarra chiede la stabilizzazione degli ex Pip che lavorano all’ospedale Civico

È necessario trovare una soluzione per i lavoratori ex pip che, da oltre 17 anni, sono impegnati a svolgere mansioni all’interno dell’ospedale Civico di Palermo e che, in piena emergenza coronavirus, continuano la propria attività nei reparti di degenza. Soggetti altamente qualificati e specializzati, che hanno conseguito nel 2008 l’attestato di ausiliario socio-sanitario”.

È quanto afferma il consigliere comunale e vicecapogruppo in consiglio comunale, Elio Ficarra (Lega), intervenendo in merito alla vicenda degli ex pip che lavorano all’interno dell’ospedale Civico e che attendono di essere definitivamente stabilizzati.

“Un grande sforzo – ha aggiunto Ficarra – che questi lavoratori stanno affrontando, senza alcuna tutela, rischiando la propria salute e quella dei loro cari. È inderogabile, seppure nella comprensione dell’emergenza che si sta vivendo, l’attuazione del riconoscimento economico e sociale, che da tanto tempo è stato negato, in vista delle nuove straordinarie misure di reclutamento, attraverso l’avvio di procedure speciali per una loro definitiva assunzione”.