Coronavirus, l’I. C. “Nino Navarra” di Alcamo non si ferma: la scuola si fa 2.0

Il coronavirus ha portato la chiusura delle scuole ma nonostante la sospensione delle attività dirigenti e insegnanti si stanno adoperando per poter al meglio fronteggiare questa emergenza nazionale. L’Istituto Comprensivo “Nino Navarra” presieduto dalla dirigente Enza Vallone, e supportato dal Team dell’innovazione Luciano Messina, Claudia Pirrello e Monica Modesto e dall’Animatore Digitale Mariangela Catania, si sono subito adoperati per attivare la didattica e la formazione a distanza. A otto ore dal decreto l’istituto aveva già provveduto a fornire tutorial a famiglie e docenti per ovviare a questa emergenza nazionale utilizzando un sistema di archiviazione in cloud che passa attraverso il registro elettronico. 

“L’obiettivo in questa fase è quello di attrezzarsi con nuove forme di insegnamento per non lasciare nessuno indietro e non far sentire gli alunni abbandonati”- queste le parole sottolineate dalla preside. Già dall’inizio dell’anno scolastico l’Istituto Comprensivo ha attivato diversi corsi sperimentali che adottano piattaforme digitali per l’istruzione. “Abbiamo avviato ad inizio anno un progetto sperimentale che ha formato docenti e ragazzi sull’utilizzo della piattaforma G-Suite-Classroom, piattaforma che in “breve tempo” verrà estesa a tutte le classi”- ribadisce l’animatore digitale.
La quotidianità scolastica rappresenta un autentico aggancio con la realtà, si tratta di una sfida necessaria, che richiede la collaborazione delle famiglie, una sfida che bisogna vincere sentendosi comunità, per non farsi immobilizzare dalla paura e riaffermare con forza il bisogno di continuare. La dirigente ha voluto inoltre evidenziare il grande sforzo che in questo momento stanno facendo le famiglie e tutto il comparto scuola dell’istituto – “in questa fase, anche se distanti, dobbiamo stare uniti, per questo ne approfitto per voler ringraziare tutti coloro che si stanno spendendo per questa causa”. 

Questo è il momento più adatto per sentirsi di far parte di una comunità e di una nazione intera perché le scelte di oggi sono il futuro di domani.