Coronavirus,Grillo (Unità sicliana-LeApi): ottimizzare geograficamente la risposta al Covid19

65

“L’Hemmaus sull’Etna, Santo Pietro nel Calatino, il CEFPAS di Caltanissetta,  un enorme complesso oggi inutilizzato che ha vicino infrastrutture logistiche come un eliporto:  in Sicilia non mancano certo gli immobili necessari ad ottimizzare la risposta al Covid19– elenca Salvatore Grillo Morassutti , presidente del Consiglio nazionale di Unità sicliana-LeApi – Altrettanto facile sarebbe  operare anche in altri complessi che nella Sicilia occidentale erano storicamente adibiti a malattie croniche, tra i quali  vecchi sanatori o ospedali abbandonati, che potrebbero essere ripristinati, anche utilizzando le nuove disponibilità messe a disposizione dal decreto legge appena varato.

Suggerisco vivamente alla Giunta regionale l’idea che  sarebbe utile concentrare i ricoveri, il personale specializzato e le attrezzature necessarie in ambienti grandi e dedicati esclusivamente a queste patologie, come nel caso dello Spallanzani a Roma. Ovviamente tale idea non è solo  frutto di buonsenso- spiega Grillo- ma anche dei suggerimenti scientifici del Prof. Giulio Tarro, virologo di fama mondiale nativo di Messina, il quale ha anticipato ad alcuni esponenti di UnitàSiciliana-LeApi l’avanzamento dei suoi studi, che partono dal dato che il virus si depotenzia  fortemente con l’aumento delle temperature, come testimoniano molte zone nel mondo oggi escluse dal contagio. Il professor Tarro ci renderà partecipi a breve dei risultati delle proprie analisi.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.