Figuccia: rabbia e sgomento nel vedere le foto che immortalano lo spostamento di un flusso di automobili durante la notte dalla Calabria alla Sicilia”

“Vorrei condividere con voi la rabbia e lo sgomento nel vedere le foto che immortalano lo spostamento di un flusso di automobili durante la notte dalla Calabria alla Sicilia. Malgrado il decreto governativo che impone lo spostamento delle persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in Comune diverso da quello in cui si trovano al fine di scongiurare il diffondersi del contagio del virus Covid 19, tranne per casi definiti dalla legge “straordinari”, ieri è successo nuovamente l’impensabile nell’assenza totale delle Istituzioni di governo nazionali che non sono riuscite a predisporre meccanismi efficaci di controllo del territorio per fare rispettare il provvedimento emanato. Un fatto di una gravità inaudita, un vero e proprio delitto nei confronti della salute dei siciliani onesti che rispettano le regole rinunciando a tutto. Voglio sperare che in questi giorni mentre i siciliani fanno grandi sacrifici per garantire ordine pubblico e sicurezza, sottoponendosi a sforzi sovrumani, non ci sia qualcuno che stia chiudendo un occhio per consentire spostamenti irregolari verso la Sicilia. Non vorrei che ci sia una complicità da parte di qualcuno per garantire esodi dalle regioni del Nord verso il Sud ed in particolare verso la Sicilia. Mi auguro vivamente che il Governo nazionale non censuri l’informazione sui fatti avvenuti durante la notte, perché la pazienza dei siciliani è finita. I rientri clandestini potrebbero essere un fenomeno con il quale fare i conti nell’immediato futuro, per cui è necessario organizzare urgentemente controlli anche con l’Esercito che non vanifichino il sacrifico dei siciliani onesti che hanno a cuore il futuro della nostra terra. Sono pronto ad andare a Messina e ad incatenarmi se entro stasera non ci saranno misure definitive di chiusura”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc.