mercoledì, Maggio 18, 2022
HomeCulturaNiente cortei per il 25 aprile, l’ANPI di Marsala celebra la Liberazione...

Niente cortei per il 25 aprile, l’ANPI di Marsala celebra la Liberazione presentando su Facebook un partigiano al giorno

“Ogni 25 aprile è diverso e uguale. È uguale perché è festa nazionale. È la festa da cui deriva tutta la nostra organizzazione democratica fino a oggi: la Costituzione e lo Stato democratico. È la Festa della Liberazione in cui donne e uomini, partigiane e partigiani, scesero dalle montagne e dalle colline ed entrarono nelle città e le liberarono dalla presenza nazifascista – afferma Giuseppe Nilo, presidente della sezione Anpi di Marsala -. Questo 75° anniversario dalla Liberazione non possiamo, giustamente, celebrarlo a causa del coronavirus e quindi essere presenti nelle piazze, fare i nostri cortei. Tuttavia, questo virus che mette in ginocchio il nostro Pese e il mondo intero, non cancellerà la memoria del sacrificio dei tanti partigiani e partigiane che hanno anteposto l’amore per la democrazia e della libertà alla propria vita”.
Da qui l’idea di celebrare il 25 aprile attraverso i socialnetwork, in modo da raggiungere quante più persone possibile puntando sulla conoscenza dei partigiani marsalesi, a cominciare dai caduti. Così, dal primo di aprile, e per ogni giornata, la pagina facebook della sezione marsalese dell’ANPI ha accolto una storia, un volto e soprattutto un esempio di coraggio e di amore per la libertà che ha il nome di un uomo o di una donna nato/a nella città lilybetana. Il primo ad essere postato è stato Vincenzo Alagna, carrettiere di Digerbato che si è distinto per coraggio e ampiezza d’animo; deportato nel campo di Fossoli, fu ucciso all’età di 18 anni.
Tra le storie postate anche quella di Francesca Alongi: “Operativa con una formazione autonoma dell’VIII Divisione Alpina valle dell’Orco. Raccontò la mamma come la sua figliola, di carattere riservato e tranquillo e amante dello studio, fosse indotta a lasciare la famiglia a 17 anni per raggiungere le formazioni da un discorso trasmesso per radio in cui Graziani invitava la popolazione a denunciare e uccidere i “banditi”. Per 6 mesi svolse quindi attività di staffetta nella zona del lago di Candia e si prodigò in ogni modo per alleviare la dura vita dei partigiani. Alla Liberazione la mamma la cercò festante fra le colonne di partigiani che scendevano verso Torino e portava sul braccio un soprabito perché si potesse subito cambiare, ma non la vide giungere. Solo dopo qualche giorno seppe che era stata uccisa in un agguato a Montalenghe l’11 gennaio 1945”.
Un’altra partigiana caduta ricordata è Bice Cerè, morta in combattimento, ferita a Ca’ di Guzzo fu portata all’ospedale di Firenze dove morì. È ricordata nel Sacrario di Piazza Nettuno e nel Monumento alle Cadute partigiane a Villa Spada. Faceva parte delle partigiane della Divisione Bologna Montagna Lupo – 62a Brigata Garibaldi “Camicie Rosse Bologna” poi “Pampurio”. Altri post riguardano: i fratelli Chirco, Giuseppe Gino e Manlio Vittorio fucilati nella Caserma “E. Reatto” di Bassano del Grappa, la mattina del 24 settembre insieme ad altri 12 partigiani. Sono già stati postati i dati e le informazioni raccolte su: Cialona Antonio, Cirobisi Cosimo, Currò Giuseppe, Di Giovanni Antonino Maria Luigi, Ferro Angelo, Figlioli Giovanni Renzo Tarcisio, Fortunato Leonardo e di Monti Vero Felice Ernesto Fondatore Nel 1946 Dell’ A.N.P.I. Marsala – Trapani.
“Come A.N.P.I. Sezione di Marsala posteremo brevi biografie di Partigiani Marsalesi – aggiunge Nilo -.
Questo sarà il nostro modo di celebrare il 25 Aprile 2020”. Saranno tutte pubblicate al seguente link: https://www.facebook.com/ANPI-Marsala-450421784978082/

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments