Lo Curto: “garantire assistenza sanitaria alla nave Costa deliziosa ma no alla quarantena a terra”

“Grande preoccupazione desta la nave da crociera “Costa deliziosa” ancorata al largo del porto di Marsala, dalla quale oggi è stato fatto scendere un passeggero con sintomi che lasciano presumere l’infezione da Covid-19. Voglio sperare, però, che nessuno dei passeggeri e del personale di bordo venga fatto sbarcare soprattutto nel caso in cui venisse confermata la positività del turista portato presso l’ospedale di Marsala. L’eventuale quarantena sia garantita a bordo della stessa nave, che peraltro da ciò che osserviamo non ha ripreso la sua navigazione. Fatto, quest’ultimo, che desta allarme e per il quale sono stata allertata da numerosi cittadini e amministratori dei comuni trapanesi. Nella serata di oggi sapremo se il passeggero trasferito all’ospedale Paolo Borsellino ha contratto il coronavirus. Auspico che il presidente Musumeci adotti nel merito ogni provvedimento necessario al fine di evitare che l’eventuale accensione di un focolaio all’interno della nave possa mettere a repentaglio la tenuta del sistema sanitario trapanese e siciliano e le misure ad oggi adottate con rigore e rispettate con altrettanto senso di responsabilità dai cittadini. Per questo, nel caso fosse accertata l’infezione occorre agire sulla stessa nave per mettere in sicurezza i naviganti ed evitare qualsiasi contatto a terra”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.