Mazara: regolamentazione acquisto e distribuzione derrate alimentari a famiglie bisognose

Con deliberazione di Giunta n. 85/2020 l’Amministrazione Comunale stanzia 40mila euro nell’ambito del capitolo Mensa Sociale, regolamentando l’acquisto delle necessarie derrate alimentari e beni di prima necessità da distribuire direttamente ai nuclei familiari bisognosi.

Il provvedimento  – si legge nella deliberazione di Giunta – si è reso necessario in quanto fino ad oggi le derrate alimentari sono state distribuite grazie alle donazioni effettuate da parte di generosi cittadini sia in denaro che attraverso prodotti alimentari, ma considerato che tali donazioni sono ormai quasi del tutto esaurite, si ritiene doveroso continuare a sostenere i cittadini bisognosi attraverso un servizio che utilizzi i fondi comunali

In particolare è disposta la predisposizione di pacchi standard del valore di € 40,00 ciascuno; all’esterno di ogni confezione sarà descritto dettagliatamente il contenuto; saranno inoltre predisposti pacchi dedicati ai minori di 4 anni del valore di € 10,00 da erogare in aggiunta a quelli standard in favore delle famiglie in cui risulti almeno un bambino in età inferiore a 4 anni.

 I cittadini bisognosi potranno accedere a tale servizio attraverso la linea telefonica di emergenza 333 6191950 che funzionerà dal lunedì al venerdì ore 9,00 – 13,00 e ore 15,00 – 18,00.

I requisiti di accesso sono i seguenti: a) non essere stati percettori di buoni spesa; b) avere un reddito mensile, riferito al nucleo familiare, dal 1° gennaio al 30 aprile 2020 nel range da € 1,00 a € 700,00 (si ricorda che i nuclei familiari a reddito zero sono i destinatari con priorità dei buoni spesa).

La distribuzione dei pacchi spesa continuerà ad essere coordinata dal Centro Operativo Comunale di Protezione Civile che si avvale dei volontari per recapitare direttamente le derrate presso il domicilio delle famiglie bisognose richiedenti.

Il servizio di acquisto e distribuzione diretta di derrate alimentari e beni di prima necessità è integrativo rispetto al servizio di erogazione di buoni spesa che prosegue fino ad esaurimento del budget relativo ai fondi della Protezione Civile nazionale (vedi nota stampa del 29 aprile) ed è inoltre integrativo al servizio di erogazione di buoni spesa regionali che è in fase di definizione.