Castelvetrano, nomi nei “Buoni Spesa”. I Consiglieri del Gruppo Misto: violano la privacy degli aventi diritto

E’ pervenuta alla nostra redazione, un’altra nota stampa dei Consiglieri comunali di Castelvetrano, Rossana Ditta, Ignazio Maltese e Giuseppa Coppola, appartenenti al Gruppo Misto, con la quale chiedono all’assessore Parrino, che nei “Buoni Spesa” consegnati dall’amministrazione per dare sostegno alle famiglie in difficoltà per l’emergenza covid-19, non venga apposto o sia eliminato immediatamente il nome dell’avente diritto. Ritenendo che possano violare la privacy dei cittadini. A seguire, vi proponiamo il documento nella sua interezza.

Giovanni Nastasi

I sottoscritti Consiglieri Comunali Rossana Ditta, Giuseppa Coppola e Ignazio Maltese, componenti del “Gruppo Misto”
PREMESSO

che il Comune di Castelvetrano sta erogando in questo periodo buoni spesa alle famiglie in difficoltà in seguito all’emergenza COVID-19;
che tali buoni, al momento dell’utilizzo, vanno consegnati ai vari esercizi commerciali convenzionati;
che essi indicano esplicitamente il nome del soggetto beneficiario;

RITENUTO

che esistono in concreto varie occasioni di necessaria circolazione dei buoni e, dunque, conoscenza e diffusione del nominativo ivi indicato;
VISTO

il Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR) e il d.lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali);

VISTO che il trattamento dei dati personali deve avvenire nel rispetto della dignità umana, dei diritti e delle libertà fondamentali della persona;

TENUTO CONTO che il Comune di Castelvetrano, quale titolare del trattamento, è tenuto ad adottare opportune cautele al fine di assicurare un’adeguata sicurezza e, dunque, prevenire la conoscibilità ingiustificata dei dati personali;

RITENUTO che tale esplicita indicazione del nome può arrecare violazione alla privacy del soggetto beneficiario.

Tanto premesso, i sottoscritti
CHIEDONO

  • che non venga apposto o sia eliminato immediatamente il nome dell’avente diritto dai
    buoni spesa, semmai sostituendolo con un codice attraverso cui risalire al beneficiario.

Nella denegata ipotesi in cui non si ritenesse di intervenire in tal senso, interpellare comunque l’Autorità competente per accertarsi della legittimità della procedura adottata.

Si resta in attesa di sollecito riscontro scritto alla presente.
I Consiglieri del Gruppo Misto
Rossana Ditta
Giuseppa Coppola
Ignazio Maltese