Castelvetrano, “Insieme si Può”: ingiusti attacchi del sindaco ai Gruppi di opposizione

E’ pervenuto alla nostra redazione, un comunicato stampa a firma dei consiglieri del movimento politico Insieme si Può, di Castelvetrano, Rosy Milazzo e Vita Alba Pellerito, con il quale, manifestano la loro solidarietà ai gruppi politici di opposizione, tacciati, a loro dire, di essere fomentatori degli atti vandalici verificatisi nei giorni scorsi a Castelvetrano. A seguire, vi proponiamo il documento integralmente.

Giovanni Nastasi

Il movimento politico Insieme si Può, rappresentato in seno al Consiglio Comunale da Rosy Milazzo, e dall’Avv. Vita Alba Pellerito, in riferimento agli ultimi accadimenti scaturiti dalla dichiarazioni del Sindaco Alfano, ritiene di dover manifestare la propria solidarietà ai gruppi consiliari Obiettivo Città, Fratelli D’Italia e Gruppo Misto, tacciati di essere fomentatori degli atti vandalici verificatisi nei giorni scorsi a Castelvetrano. Si ritiene infatti che tale gesto sia solo ed esclusivamente ascrivibile al comportamento vandalico ed incivile di coloro che lo hanno commesso e che non sia ravvisabile alcuna attinenza con la situazione politica castelvetranese.
Si ribadisce che il diritto di critica e la divergenza di opinioni sia il sale della democrazia e che non è tollerabile in una società libera attaccare chi esprime un diverso pensiero.
Corre doveroso sottolineare in questa sede che la partecipazione al T.A.C. sia stata decisa di comune accordo in seno al gruppo ed abbracciata con entusiasmo con il solo scopo di approntare l’orecchio alle richieste di tutti gli operatori sul territorio e trovare valide soluzione per affrontare la grave crisi economico sociale che tutto il territorio nazionale sta affrontando a causa del Covid 19.
Tuttavia, come oculatamente osservato, tale tavolo, e nello specifico la maggioranza che vi siede, si è manifestato ad oggi incapace di proporre soluzioni valide e significative, ma si appalesa sempre di più come un l’ennesimo polverone creato da chi amministra questa città.
Si ritiene pertanto che sia inutile continuare a partecipare al T.A.C. e che certamente è più proficuo trovare soluzioni in sede di commissioni consiliari e nel massimo consesso civico, il Consiglio Comunale, di cui si auspica al più presto la convocazione per ridare “voce istituzionale” sia alla maggioranza che all’opposizione.
Rosy Milazzo
Avv. Vita Alba Pellerito