Sicilia, la Bella Signora che Digitalizza i suoi Territori

130

Una serie di progetti, volti alla riqualificazione e alla valorizzazione
dei piccoli comuni siciliani, servendosi delle tecnologie informatiche, è la
nuova sfida, accolta con entusiasmo da S.T.A.R.T. (Sicilian Talents A Real
Transformation), Think Tank formato da professionisti siciliani operanti in
diversi settori: economia, informatica,giurisprudenza, beni culturali, agraria,ecc.
L’iniziativa di S.T.A.R.T., con la partecipazione di EDUCTT, Società
che si occupa di innovazione e digitalizzazione, intende proporre delle
soluzioni per l’economia e il turismo dei piccoli borghi e centri storici, tramite la digitalizzazione del territorio Siciliano.
Quest ultimo aspetto si intende realizzare promuovendo in modalità multimediale le bellezze della storia, della cultura, dei musei, delle chiese, dei percorsi esperienziali ed enogastronomici, ovvero
l’evoluzione culturale di ciò che concerne la fruizione turistica, grazie al quale il turista esce dal ruolo passivo di semplice spettatore, per diventare oggetto attivo dell’offerta turistica proposta.
L’obiettivo del progetto è di inserire in un unico circuito digitale le Comunità Albanesi in Sicilia, e i paesi limitrofi e della Valle del Sosio. Tramite una piattaforma digitale questi Comuni hanno la
possibilità di far emergere nuove destinazioni turistiche e di promuovere le proprie attrazioni storiche, culturali e turistiche. con l’installazione di pannelli multimediali, interattivi e touch
screen da 65/75 pollici, in cui il turista può visualizzare e scegliere l’esperienza che desidera acquisire. Attualmente, a questo progetto hanno aderito i Comuni di Contessa Entellina, Prizzi, Chiusa Sclafani, Giuliana.
Nel Turismo Esperienziale l’offerta turistica tende a trasformarsi sempre di più in una reale esperienza di vita, in grado di coinvolgere emotivamente, intellettualmente e fisicamente l’ospite. Il supporto di adeguate risorse offerte dalle innumerevoli potenzialità del web, rende tale forma di
turismo, ancora più efficace, basti pensare all’uso di piattaforme di e-commerce, che integrano sistemi di feedback, dove il turista può condividere le esperienze vissute nel suo viaggio.
La parola chiave di questo progetto è: “Restare Connessi!”. Con il piano strategico della
digitalizzazione del territorio e dei servizi, si riuscirà a identificare, riqualificare, valorizzare e promuovere il patrimonio culturale anche ai fini della qualificazione dell’offerta turistica.
L’entroterra siciliano racchiude dei veri e propri tesori culturali, custoditi da secoli in piccoli borghi, ma dalla grande importanza immateriale che merita sicuramente la doverosa attenzione: la
preservazione delle proprie origini e la valorizzazione di antichi tradizioni, strutture religiose, castelli, palazzi ricchi di storia e arte, per evitare che la cultura negativa, legata alla logica
dell’abbandono prevalga sulla voglia di riscatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.