Dalla sospensione dei versamenti ai bonus per la ristrutturazione: ecco cosa contiene il Decreto Rilancio

378

Scadenze fiscali prorogate, aiuti alle imprese, contributi a fondo perduto, bonus del 110% per le ristrutturazioni, contributi per le vacanze in Italia: sono tanti i contenuti del “Decreto Rilancio” emanato dal Governo nei giorni scorsi.

Ne abbiamo parlato con il Dott. Commercialista Giulio Bellan che ha sintetizzato per noi gli aspetti più importanti.

Dott, Bellan, cos’è il Decreto Rilancio?

E’ un decreto corposo con cui il Governo ha creato una serie di misure che vanno incontro sia alle imprese che alle famiglie.  Interviene su tantissimi aspetti. Per semplificare, possiamo indicare tre filoni principali: lo spostamento di una serie di scadenze fiscali, gli aiuti alle imprese, gli aiuti alle famiglie.

Quali scadenze sono state prorogate?

Tantissime. Quella che ha suscitato più scalpore è stato l’annullamento dell’IRAP – Imposta regionale sulle Attività Produttive – per il 2019 che è già stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.  E’ un decreto legge e deve essere ancora convertito in legge. E’ qualcosa che non è mai accaduto prima.

Dal punto della sospensione dei versamenti, ricordiamo che con il decreto Cura Italia erano stati spostati una serie di versamenti: irap, f24 lavoratori dipendenti, iva, contributi previdenziali.

Questi vengono spostati ulteriormente al 16 settembre. E’ prevista la proroga anche per i mesi di aprile e maggio. 

Dal 16 settembre si potranno pagare in un’unica soluzione o in 4 rate.

Il Cura Italia non aveva previsto la sospensione delle rateizzazioni in corso con l’Agenzia delle Entrate. Anche queste ora rientrano nella sospensione. E’ un aspetto molto importante. Sospese anche tutte le rate della rottamazione che slittano al 10 dicembre. Si bloccano anche tutti i pignoramenti fatti dall’Agenzia dell’Entrate fino al 31 agosto.

Cosa ci può dire riguardo ai contributi a fondo perduto?

Sostanzialmente spettano alle piccole imprese, ai lavoratori autonomi o chi ha un reddito agrario. Per averne diritto bisogna aver subito, nell’aprile 2020, un calo di fatturato di almeno un terzo rispetto all’aprile 2019. E’ un contributo sul differenziale che va dal 20 al 10% a seconda del fatturato.

Il Governo ha previsto un tetto minino di 1000 euro per le ditte individuali e 2000 euro per le società.

Un’altra misura importante è il credito d’imposta per le locazioni per chi ha avuto un calo del fatturato superiore al 50%.  Non solo per gli immobili commerciali ma anche per quelli industriali, artigianali, turistici.

Per i mesi di marzo, aprile e maggio è previsto inoltre un credito d’imposta per le locazioni pari al 60% del canone pagato. Si può chiedere anche uno sconto diretto al locatore sul canone cedendo a lui il proprio credito.

Prevista anche la riduzione delle bollette dell’energia elettrica per le utenze non domestiche a bassa tensione ovvero per le piccole attività.  Chi ha un contatore di 3 kW azzera gli oneri di sistema.

Chi ha un contatore superiore, calcola tutto come se avesse un contatore di 3 kW. Le modalità operative devono ancora essere spiegate.

E per le famiglie?

Per le famiglie con un reddito molto basso, è previsto un reddito d’emergenza di 400 euro al mese per due mesi: giugno e luglio.

Un intervento importante che potrebbe servire a rimettere in moto l’economia è il bonus del 110% sulla ristrutturazione della prima casa.  E’ possibile ristrutturare la propri casa, riqualificandola dal punto di vista energetico, praticamente a costo zero usufruendo di un bonus che consente alle persone fisiche di cedere il proprio credito all’impresa che a sua volta può cederlo alle banche. Per agevolare il turismo, inoltre è previsto un bonus fino a 500 euro per le famiglie fino a 40mila di reddito sulle vacanze prenotate in Italia. Anche questo potrebbe essere uno strumento importante per favorire la ripresa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.