Covid 19, parte l’indagine sierologica. Coinvolta anche la provincia di Trapani

335

E’ stata avviata lunedì scorso, 25 maggio, un’indagine su tutto il territorio italiano per capire quante persone, nel nostro Paese, abbiamo sviluppato gli anticorpi al Civid 19 anche in assenza di sintomi ed analizzare meglio come si è sviluppato il contagio sull’intera nazione.  

Uno strumento importante dunque per conoscere meglio il Covid- 19.

Gli esiti dell’indagine, diffusi in forma anonima, potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei.

L’indagine è portata avanti dal Ministero della Salute e Istat, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana.

Il test consiste in un semplice prelievo di sangue e verrà eseguito su un campione di 150mila persone residenti in 2mila Comuni, distribuite per sesso, attività e sei classi di età.

Partecipare non è obbligatorio ma è un contributo che ogni cittadino può dare  per permettere di conoscere la situazione epidemiologica nel nostro Paese.

Tutti coloro che sono parte del campione selezionato da Istat verranno chiamati al telefono dalla Croce Rossa Italiana attraverso un numero che inizia con 06 55 10…..

A coloro che accetteranno di partecipare sarà fissato un appuntamento in uno dei laboratori selezionati per effettuare il prelievo. Al momento del contatto verrà anche chiesto di rispondere ad un questionario predisposto da Istat, in accordo con il Comitato tecnico scientifico.

Il prelievo potrà essere eseguito anche a domicilio se il soggetto è fragile o vulnerabile.

La Regione comunicherà l’esito dell’esame a ciascun partecipante residente nel territorio. In caso di diagnosi positiva, l’interessato verrà messo in temporaneo isolamento domiciliare e contattato dal proprio Servizio sanitario regionale o Asl per fare un tampone naso-faringeo che verifichi l’eventuale stato di contagiosità.

 La riservatezza dei partecipanti sarà mantenuta per tutta la durata dell’indagine.

A tutti i soggetti che partecipano, sarà assegnato un numero d’identificazione anonimo per l’acquisizione dell’esito del test.

Alle prime chiamate effettuate dalla Croce Rossa pare che alcune regioni abbiamo risposto con maggiore disponibilità, come Marche e Sardegna, e altre meno come Campania e Sicilia. Sembrerebbe però che, nella giornata di ieri, molti abbiamo richiamato per confermare la prima adesione.

Anche la provincia di Trapani è coinvolta nell’indagine. Saranno chiamati a partecipare cittadini residenti nei comuni di Calatafimi-Segesta, Erice, Marsala,  Mazara del Vallo, Paceco, Partanna, San Vito lo Capo, Castelvetrano e Valderice

L’Asp di Trapani  supporterà l’attività della Croce Rossa italiana, attraverso il Dipartimento di Prevenzione, mettendo a disposizione i locali dei Presidi Sanitari d’Igiene Pubblica dei Comuni campione per effettuare i prelievi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.