Ciancio (M5S): No a gassificatore in contrada Coda Volpe a Catania

185

“Siamo nettamente contrari alla possibile costruzione di un gassificatore in contrada Coda Volpe di Catania, un luogo già devastato da impianti per lo smaltimento dei rifiuti. ll parere interlocutorio intermedio della commissione tecnica specialistica per le autorizzazioni ambientali, inoltre, ha evidenziato numerose criticità sul progetto, tra le quali, la più importante a nostro avviso, la mancata previsione di un impianto del genere nel piano d’ambito della SRR Catania area metropolitana”. A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Gianina Ciancio, che con una mozione, incalza il governo regionale a scongiurare la costruzione di un gassificatore nel Catanese da parte della Sicula Trasporti srl. “Non possiamo che aderire e rilanciare la battaglia che i cittadini stanno portando avanti contro la costruzione di questo gassificatore – spiega Ciancio. Parliamo di un territorio a confine tra la provincia etnea e quella di Siracusa, già martoriato dalla presenza di diversi impianti per lo smaltimento dei rifiuti. Sono presenti infatti, una discarica tra le più grandi d’Europa e un biostabilizzatore che è stato, negli anni, fonte di miasmi insopportabili. la nostra posizione sugli inceneritori non è legata soltanto all’effetto che questi hanno sull’ambiente e sulla salute, ma anche sul principio che ne sta alla base, per noi totalmente sbagliato. Una volta realizzato, infatti, per risultare economicamente conveniente, un impianto del genere deve essere alimentato con quantità enormi di rifiuti, probabilmente importate anche da fuori regione. In netto contrasto con la strategia di riduzione dei rifiuti che dovrebbe essere alla base di ogni politica ambientale”.“Vi è inoltre un parere intermedio dell’ente preposto al rilascio delle autorizzazioni  – spiega ancora Ciancio – che evidenzia come tale impianto non sia contemplato nel piano d’ambito della locale SRR. Per questo motivo oltre ad aver depositato la mozione che investe direttamente il governo regionale, stiamo presentando atti di indirizzo in tutti i Comuni della SRR in cui abbiamo gruppi consiliari M5S, per non modificare il piano d’ambito, visto il rischio di aprire la strada agli  inceneritori” – conclude Ciancio. Sulla questione rilancia anche il deputato Ars Giampiero Trizzino: “Entro il 2030 – spiega il già presidente della Commissione Ambiente all’Ars – gli Stati dovranno ridurre in modo sostanziale la produzione di rifiuti attraverso la prevenzione, la riduzione, il riciclo e il riutilizzo: è questo uno degli obiettivi più importanti cui guarda l’Onu. Non si parla di smaltimento, non si cercano metodi alternativi per trattare i rifiuti, l’Agenda 2030, in nessun modo, fa riferimento ad inceneritori o termovalorizzatori. In Sicilia, invece, sembra che le lancette dell’orologio viaggino al contrario. Sì, perché a 10 anni dall’obiettivo dell’Onu, si vorrebbe costruire nell’isola il primo grande inceneritore dei rifiuti. Una macchina di enormi dimensioni capace di divorare tonnellate di rifiuti e mandare a quel paese gli obiettivi dell’Agenda 2030” – conclude il deputato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.