Edizioni Ex Libris: “A grande richiesta il secondo volume della storia del giornalismo palermitano dell’800”

191

La casa editrice Edizioni Ex Libris dà alle stampe il secondo volume del cofanetto dedicato alla storia del giornalismo palermitano dell’800, curato dal giornalista ed editore Carlo Guidotti e dal collezionista Gesualdo Adelfio. Dopo il grande successo riscosso con il primo volume, dedicato agli anni che vanno dal 1800 al 1860, a grande richiesta è adesso disponibile il secondo volume, che ripercorre la storia della stampa d’informazione siciliana, e palermitana nello specifico, dal 1860 al 1880.

Il volume (Edizioni Ex Libris, ISBN 9788896867990), si pregia della prefazione di Teresa Di Fresco e dell’introduzione di Enza Zacco ed affronta le tematiche giornalistiche del primo ventennio dell’era postborbonica legate all’annessione della Sicilia, alle condizioni sociali, alla mafia e alle evoluzioni politiche ed alla trasformazione dell’assetto urbano.

“I giornali di Palermo nell’Ottocento. L’informazione giornalistica e la pubblicità nella stampa dell’epoca” è il titolo della grande opera che si dispiega su più volumi e che ha come obiettivo quello di presentare, mediante illustrazioni, fotografie, tabelle esplicative e commenti agli articoli, le principali testate giornalistiche stampate nel capoluogo siciliano nel corso del XIX secolo, epoca di profondi cambiamenti storici, politici e sociali, in cui cambia radicalmente il modo di fare informazione e di trasmetterla ad un’opinione pubblica sempre più ampia e diversificata.

Anche questo secondo volume è suddiviso in tre sezioni, la prima è dedicata all’analisi storica introduttiva che consente di comprendere meglio il tessuto sociale nel quale si susseguono gli eventi storici dai quali scaturiranno libri, giornali, articoli e commenti critici. Nella seconda sezione vi è la rassegna completa dei giornali stampati a Palermo, dei quali si riportano le testate, le schede esplicative e degli estratti di articoli particolarmente significativi. Nella terza sezione vi è invece uno studio sulle officine tipografiche e stamperie che, negli anni presi in esame, hanno prodotto le testate presentate.

Grande successo è stato riscosso dal primo volume che si è avvalso di presentazioni editoriali presso luoghi di prestigio quali il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti a Roma, l’Assemblea Regionale Siciliana e la Fondazione Federico II e la Biblioteca Centrale di Palermo con relatori di prim’ordine; tale libro ha dato l’avvio ad un ambizioso ed articolato progetto editoriale che prosegue, quindi, con altri volumi frutto di anni di studio, analisi storica ed approfondimento giornalistico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.