Stato d’agitazione dei lavoratori della coop.”sviluppo solidale”,Sinalp indice sit in davanti l’assessorato attivita’ sociali

417

La crisi economica, anche a causa del COVID-19, in questi primi mesi del 2020 è schizzata in alto travolgendo la già fragile economia della nostra terra.

Purtroppo assistiamo giornalmente alla chiusura di varie attività esistenti da anni che assolvevano, oltre al ruolo di punto vendita per il territorio, anche a quello di presidio e difesa del quartiere.

In questo scenario tragico, che per primi ci auguriamo si possa debellare, si innesta una vicenda assurda e surreale dei lavoratori della Coop Sviluppo Solidale che pur lavorando, pur svolgendo il loro servizio in maniera egregia non avendo mai ricevuto alcuna contestazione da parte dell’azienda, ad oggi si ritrovano creditori di un numero eccessivo di stipendi non erogati.

Ci rendiamo conto che la complessità del settore in cui opera la coop, visto che si occupano di esseri umani migranti, ci costringe ad attenzionare il problema con maggior vigore nel chiedere quanto spetta ai lavoratori.

Parliamo di lavoratori che giornalmente fronteggiano un’ulteriore emergenza, l’integrazione di esseri umani che scappano da realtà tragiche, violente e povere e che vogliono reinventarsi una nuova vita  più sicura e tranquilla.

Questi lavoratori hanno doppiamente il diritto a ricevere il giusto compenso per quanto fanno.

In questa emergenza gli attori, oltre ai lavoratori, sono il datore di lavoro, Coop Sviluppo Solidale, e il Comune di Palermo che dovrebbero fare le “inumane cose” per poter rispettare gli impegni assunti.

Purtroppo, probabilmente distratti da altre emergenze, che in una città problematica come Palermo non mancano mai, il meccanismo dei pagamenti degli stipendi si è interrotto e nessuno degli attori ha percepito tempestivamente il danno ed il disaggio causato tra tutti gli operatori.

Consapevoli di tutto ciò il Sinalp, rappresentato dal Segretario Dr. Andrea Monteleone e dal Dirigente Sindacale RSA eletto Carlo Bonaccorso, ha indetto uno sciopero statico (sit in) davanti l’Assessorato alle Attività Sociali del Comune di Palermo Giovedì 18 giugno per l’intera mattinata.

Questa azione di protesta, se necessario, sarà ripetuta fino alla erogazione degli stipendi arretrati.

Invitiamo tutti i mezzi di stampa a solidarizzare con i lavoratori della Coop Sviluppo Solidale che stanno lottando per la loro sopravvivenza messa a dura prova da una burocratizzazione dei sistemi che sta scollegando la P.A. dalla società.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.