Decreto Rilancio: “Finanziamento a fondo perduto”

Da Lunedì 15 Giugno (e fino al 13 Agosto eccetto casi specifici) sarà possibile fare richiesta del tanto atteso contributo a fondo perduto.
In alcuni casi si tratterà di piccoli importi ma, ricordiamo, non prevedono restituzione!
Entriamo nel vivo ed analizziamo le principali caratteristiche:

BENEFICIARI:
Soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita IVA,
comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale con fatturato inferiore a 5 milioni di euro.

REQUISITI:
A condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di Aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 del mese di Aprile 2019.
Il contributo spetta anche in assenza di tali requisiti ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019.

CONTRIBUTO:
Fino ad un massimo del 20% della differenza tra Aprile 2019 ed Aprile 2020; comunque, per un importo non inferiore a mille euro per le persone fisiche
e a duemila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

N.B. al momento non viene menzionata l’esclusione per i segnalati in Centrale Rischi con sofferenze al 31.12.19
(come per le precedenti agevolazioni già approfondite).