Marsala 2020. Daniele Nuccio, Città Futura: Non c’è più tempo da perdere

Giovedì scorso 18 giugno si è riunito il direttivo del movimento “Città Futura” che, ha provveduto alla designazione del portavoce/coordinatore.

All’unanimità dei presenti si è deciso di incaricare per tale ruolo il Consigliere Daniele Nuccio che contestualmente ha ricevuto mandato di continuare le interlocuzioni finalizzate alla costruzione di una coalizione credibile, in grado di intercettare le migliori energie del territorio.

“Sono profondamente grato alle donne e gli uomini di Città Futura per la fiducia che hanno voluto tributarmi. Continueremo nel sentiero tracciato e che ci vede impegnati nella ricerca di un momento di sintesi con movimenti e partiti che hanno a cuore le sorti della nostra Città-

La politica non può ridursi esclusivamente ad affare per pochi equilibristi e logiche di bottega.

Avvertiamo una grande voglia di partecipazione. Vogliamo intercettare le migliori intelligenze che vorranno prestare le proprie competenze al servizio della comunità.

Ci attendono sfide difficili, per fronteggiare le quali riteniamo fondamentale il dialogo.

La ricerca dell’unità del fronte progressista resta uno degli obiettivi principali.

Così come continueremo le interlocuzioni con tutte quelle forze che in queste settimane hanno visto con fiducia la nascita della nostra formazione.

Non c’è più tempo da perdere.

La Città non può rimanere ostaggio di quanti non riescono a comprendere che l’infinita attesa circa la riserva del Sindaco, in relazione di una sua paventata (e mai confermata) ricandidatura, sia funzionale esclusivamente al rafforzamento del fronte di centro-destra.

Facciamo appello a quanti non ci stanno, a quanti credono che oltre la tattica bisogna ripartire dai contenuti, dalle idee. Dalla necessità di dare spazio alla formazione di una nuova classe dirigente in grado di fronteggiare con lo slancio delle giovani generazioni e l’esperienza di altre personalità che ci accompagnano in questo percorso, le sfide del futuro.

La politica quale servizio civile, impegno per ridurre le diseguaglianze del nostro tempo, per infondere fiducia ad un territorio straordinario, ad una Città che vuole dire basta alla “colonizzazione politica” e che vuole emanciparsi per tornare a ricoprire il ruolo che le compete nello scenario politico regionale e nazionale.

Lanciamo un “patto” con quanti non si arrendono e credono fermamente che alla mediocrità, al clientelismo ed alle logiche da prima repubblica, si possa contrapporre insieme un sentiero di vero rinnovamento politico e sociale”.