Enac,diritto dei passeggeri alla corresponsione del rimborso dei voli annullati causa covid-19.Italia Rimborso: spetta anche la compensazione pecuniaria

In riferimento alla notizia trasmessa al TG del 22.06.2020 concernente le posizioni di ENAC circa il diritto dei passeggeri alla corresponsione del rimborso dei voli annullati causa COVID-19 si specifica quanto segue.
Italia Rimborso già in data 28 aprile 2020 ha ricevuto, a seguito di richiesta, nota della Commissione Europea Trasporti con indicazione specifica circa i diritti dei passeggeri riguardante le cancellazioni da COVID-19 e ha cristallizzato il diritto al rimborso del biglietto, riservando solo su autorizzazione dei passeggeri medesimi la possibilità di erogare un voucher (cfr. nota Commissione Europea, allegata).

Ordunque, afferma il direttore legale Avv. Salvatore D’Angelo – stante il ripristino dei voli a decorrere dal 1-06-2020 è possibile richiedere, la compensazione pecuniaria ai sensi del Regolamento Europeo nei casi in cui la comunicazione della cancellazione abbia luogo in meno di due settimane. La posizione di Enac conferma la linea risarcitoria avanzata già da mesi da Italia Rimborso. Ai passeggeri spetta, infatti, oltre ai rimborso del biglietto, nel caso in cui la comunicazione della cancellazione abbia luogo meno di due settimane precedenti al volo, anche la compensazione pecuniaria di un minimo di 250 euro. Ciò, nel pieno rispetto del Regolamento europeo 261/2004. “

Si specifica, per ultimo, che in data 17.05.2020 il tg3 Sicilia ha dato notizia circa i rimborsi in questione mediante intervista del nostro direttore legale Avv. Salvatore D’Angelo.

Si indica appresso i recapiti diretti dello stesso e si manifesta la disponibilità di Italia Rimborso di assistere gratuitamente i passeggeri.