Santa Flavia.Recupero beni archeologici illecitamente detenuti,Samona’: “grazie a questa azione dei Carabinieri recuperati preziosi reperti storici”

143

Preziosi reperti archeologici databili, ad una prima analisi, tra il I e il III secolo a.C. illecitamente detenuti nelle abitazioni di privati a Santa Flavia sono stati affidati in custodia alla struttura museale del parco archeologico Hymera, Solunto e Jato.

Le cinque anfore in terracotta e i frammenti di anfore di grande interesse storico-artistico secondo le prime dichiarazioni, sembrano essere stati rinvenuti sul fondale marino nel corso di una battuta di pesca.

L’operazione di recupero è stata compiuta dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria, con la collaborazione del nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, che hanno recuperato i beni.

Grazie all’azione di contrasto dei Carabinieri che hanno agito attraverso il Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale – ha dichiarato l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – sono stati recuperati preziosi reperti archeologici. È attraverso l’opera di contrasto quotidiano svolta con efficacia di strumenti ed interventi mirati, che abbiamo possibilità di arginare l’allarmante fenomeno della depauperazione del nostro territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.