Fidimed,al via la fusione per l’incorporazione del Fidisicilia di Catania

227

 Fidimed, intermediario finanziario siciliano 
106 vigilato da Bankitalia e con rete commerciale in tutta Italia, ad 
un anno esatto dalla positiva fusione per incorporazione del consorzio 
fidi CoProFi di Enna, ha dato il via alla fusione per incorporazione 
del consorzio fidi FidiSicilia di Catania, che porta in dote circa 150 
imprese socie, quasi tutte della Sicilia orientale, e circa 10 milioni 
di euro di attività finanziarie.
Lo scorso 30 giugno i due rispettivi CdA hanno approvato il progetto 
di fusione; il presidente del FidiSicilia, Arturo Giorgianni, è stato 
cooptato nel CdA di Fidimed; ed entro 60 giorni, al positivo esito 
delle comunicazioni di legge all’Autorità di Vigilanza, le assemblee 
daranno il definitivo via libera alla fusione per incorporazione di 
FidiSicilia in Fidimed.
“L’importante operazione – commenta l’A.d. di Fidimed, Fabio Montesano 
– ci consente di accrescere ulteriormente il patrimonio di un 40% 
netto e di rafforzare la nostra presenza commerciale in Sicilia 
orientale. Dunque – aggiunge Montesano – prosegue con successo la 
nostra strategia di crescita. Fidimed si sta distinguendo nel panorama 
degli intermediari finanziari italiani per la sua capacità di 
catalizzare le migliori esperienze nelle diverse aree del Paese. La 
nostra politica di aggregazioni – conclude Montesano – ci porta a 
guardare con estremo interesse ad altre operazioni di rafforzamento, 
in linea con l’indicazione della norma voluta dall’assessore regionale 
all’Economia, Gaetano Armao, per incentivare le concentrazioni di 
consorzi fidi al fine di creare intermediari finanziari sempre più 
forti ed efficienti, capaci di interpretare e sostenere le esigenze di 
sviluppo delle imprese”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.