Completa fruizione dello Zingaro: il sindaco Peraino sollecita la Regione

156

«Se non verrà preso, nel più breve tempo possibile, alcun provvedimento per consentire la completa fruizione della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, questa amministrazione comunale, di concerto con le Istituzioni amministrative e politiche del territorio, le associazioni di categoria e i  cittadini, è pronta ad intraprendere ogni iniziativa utile al fine di sollecitare i necessari interventi, anche con una manifestazione pubblica». Lo dichiara il sindaco di San Vito Lo Capo, Giuseppe Peraino, che questa mattina ha inviato una  nota, indirizzata agli Assessorati regionali al Territorio e Ambiente e all’Agricoltura, ai dirigenti regionali dei rispettivi Settori, al direttore della Riserva dello Zingaro e all’Anci Sicilia, per chiedere  l’attuazione delle Linee guida, emanate dall’Autorità di Bacino Distretto Idrogeografico della Sicilia, relative alle azioni da mettere in atto da parte dei Gestori di Aree Naturali Protette, Demanio marittimo e forestale finalizzate alla pubblica fruizione dei siti.

« La chiusura delle calette dello Zingaro- dice il sindaco- sta provocando delle refluenze negative per la mia comunità,  che vive di turismo, ed è già stata fortemente provata dall’emergenza Covid-19. A causa dell’inerzia degli organi politici e dei responsabili delle strutture- prosegue-, gli operatori economici si vedono privati di un bene essenziale per la complessiva valorizzazione del territorio, costituendo la Riserva uno dei principali attrattori turistici, per la bellezza e varietà del suo patrimonio ambientale, di cui si può fruire solo in parte ».

Nella nota viene ricordato che è il 19 maggio 2020 è stato adottato il progetto di aggiornamento del PAI (Piano stralcio di bacino per l’Assetto Idrogeologico), relativo anche all’area territoriale tra il bacino del torrente Forgia e Punta Solanto, nel territorio di San Vito Lo Capo.  L’attivazione delle misure di salvaguardia ha indotto l’Ente Gestore della Riserva a interdire la fruizione delle zone a rischio R3 e R4, che interessano una larga parte della stessa.

“Consapevoli che le misure di salvaguardia relativamente alle attività di tempo libero sono consentite purché vengano previste opportune misure di allertamento- si legge nella nota inviata agli Organi regionali-, questa amministrazione ha intrapreso una serie di interlocuzioni con l’Ente Gestore della Riserva e con l’ANCI Sicilia chiedendo, ognuno per le proprie competenze, di farsi carico della problematica, al fine di definire nel breve termine, le procedure da adottare per la completa fruizione della Riserva.

Il 3 luglio scorso l’Autorità di Bacino Distretto Idrografico della Sicilia ha pubblicato le linee guida relative alle azioni da mettere in campo da parte dei Gestori delle aree naturali a cui ha fatto seguito il quadro sinottico pubblicato ieri. Nonostante ciò, nessuna iniziativa è stata intrapresa, né da parte dell’Ente Gestore né da parte dell’Assessorato al Territorio, per consentire le attività di fruizione secondo le linee guida puntualmente fornite”.

Ciò ha indotto il sindaco a sollecitare agli Organi preposti alla Gestione della Riserva l’adozione delle procedure idonee al fine di rimuovere la situazione di stallo  e a coinvolgere le Istituzioni e  le associazioni di categoria del territorio per concordare eventuali iniziative da intraprendere qualora, entro questa settimana, non dovessero ottenersi efficaci soluzioni.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.