Catania. Prostituzione e incompiute lungo il viale Africa

166

Non una semplice strada ma un concentrato di problemi. Questo è il concetto che meglio sintetizza ciò che succede ogni giorno nel viale Africa a Catania. Una strada trafficata, sia di giorno che di notte, al centro di tantissime segnalazioni da parte dei residenti e dei commercianti del quartiere. “In questa zona il problema principe riguarda la prostituzione- afferma il consigliere di “Italia Viva” del secondo municipio di Catania Andrea Cardello- appena si fa buio è impossibile non notare decine di ragazze che passeggiano lungo i marciapiedi in attesa dei clienti come ho sottolineato nell’emendamento presentato da me e dalla collega Giuffrida. In pochissimo tempo si forma una lunga fila di auto che da piazza Europa arriva fino a piazza Giovanni XXXIII. Uno spettacolo degradante a pochi passi da dove passeggiano le famiglie o dove la gente mangia un panino. Si parla tanto di sicurezza urbana e di multare i clienti per garantire il decoro cittadino- prosegue Cardello- ma finora è stato fatto ben poco e questo turpe mercato, giorno dopo giorno, è in costante aumento”. Il viale Africa è una delle più trafficate strade del II municipio. Qui,oltre a decine di negozi, si trova una scuola, un commissariato di polizia, il centro fieristico “Le Ciminiere”, il piazzale Asia e la fermata della metropolitana. “E’ un’emergenza continua che sfortunatamente non riguarda solo la prostituzione- incalza il consigliere Cardello- tra gli altri problemi segnalati dai cittadini c’è il rischio di venire investiti tutte le volte che bisogna attraversare la strada, marciapiedi che sembrano essere stati letteralmente bombardati  e l’edificio, posto tra il cantiere nell’ex palazzo delle poste e gli uffici della polizia, che resta abbandonato e riparo di fortuna per molti senza tetto. Quest’ultimo doveva diventare un museo d’arte e invece oggi è l’ennesimo problema del viale Africa”.   

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.