Donato: ” la Sicilia abbandona tra tra imprese al collasso e una gestione improvvisata dei clandestini”

149

“La nostra regione combatte contro la crisi su ogni fronte, con un doppio svantaggio in più rispetto al resto d’Italia: la dipendenza dai collegamenti aerei, data dall’insularità, e la posizione di punto di sbarco più comodo per i trafficanti di clandestini”. È quanto afferma l’europarlamentare della Lega, Francesca Donato.

“A nulla è valso l’appello del sindacato Fsp Polizia, i cui agenti che operano a Lampedusa non ce la fanno più, perché costretti a turni massacranti anche di 32 ore consecutive di servizio, visto il mancato invio di rinforzi. Per non parlare degli imprenditori agricoli, ai quali l’INPS aumenta i contributi, chiedendo addirittura il versamento degli arretrati in unica soluzione e degli operatori turistici che invocano interventi ad hoc per incentivare i collegamenti e promuovere il turismo isolano, o delle PMI (piccole e medie imprese) che verranno stroncate dalla mazzata della scadenza fiscale del 20 luglio, non più rinviata, nonostante il crollo degli utili”.

“Tutti gli appelli rivolti al governo dalla Regione e dalle imprese siciliane rimangono privi di risposta” aggiunge l’europarlamentare. “Gli slogan e le ripetute promesse del Presidente Conte diventano beffarde prese in giro, a fronte della sistematica assenza di misure di sostegno reali ai cittadini e alle realtà produttive locali, sotto attacco da ogni lato. Prendiamo atto di questa dura, tragica realtà: Roma pensa alla Sicilia solo come ad un limone da spremere sino all’ultima goccia”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.