Il Festival Scena Segesta si sposta domani 21 luglio al bosco Angimbè

La prima edizione del Festival Scena Segesta, promosso dal Comune di Calatafimi-Segesta su progetto di Lina Prosa, si sposta domani 21 luglio al bosco Angimbè, in collaborazione con l’associazione omonima che all’interno del bosco cura iniziative didattiche e percorsi naturalistici.

Due giorni dedicati al contatto con la bellezza del luogo e al rapporto tra natura e cultura: il sughereto medievale con i suoi alberi dalle fattezze arcaiche, un ecosistema unico in Sicilia che si estende per 212 ettari. Il programma delle due giornate è introdotto da una passeggiata naturalistica all’interno del bosco che prepara alle iniziative: il 21 luglio alle 19 “Avventurarsi/ tra realtà e letteratura” a cura di Marina Turco, alle 20 “Avventurarsi/tra panorami e grilli musicali” con Fabrizio Malerba e le attrici del Teatro Studio Attrice/Non del centro Amazzone di Palermo, il 22 luglio alle 19 “Odissea Canto XXIII”, ambientazione sonora nel bosco con la voce in filodiffusione di Maddalena Crippa.

La prima edizione del Festival Scena Segesta è un’edizione straordinaria, contrassegnata dalla recente-presente esperienza umana dell’emergenza coronavirus. Non è un caso, quindi, che il tema di quest’anno è “Teatro e sostenibilità”. Un percorso di riflessione, attraverso incontri, letture, laboratori ed esperienze creative, sul teatro come territorio capace di produrre nuove visioni “sostenibili” sul piano umano e sociale.

Il programma va avanti fino a domenica 26 luglio con altre tappe al Comune di Calatafimi-Segesta. A Calatafimi Segesta sarà inaugurata la sede delle attività laboratoriali di “Scena Segesta”: l’ex convento di San Francesco. Dal 20 al 23 luglio sarà realizzato il primo laboratorio “Tu che mi soffi addosso come il vento”, diretto da Lina Prosa in collaborazione con la danzatrice Silvia Giuffré, dedicato agli agenti atmosferici visti come agenti drammaturgici nell’epica e nella drammaturgia classica. L’esito del Laboratorio sarà presentato al pubblico il 24 luglio alle 21.15 nel cortile dell’ex convento.

Sempre il 24 luglio, alle 11, nella sede della Biblioteca Comunale è in programma il dibattito pubblico “Teatro e sostenibilità” con Federico Butera, professore emerito del Politecnico di Milano e Paolo Randazzo, professore di Lettere Antiche al liceo di Noto e di Critica teatrale alla Scuola dell’Inda. Nel programma, al San Francesco, ci sono anche due appuntamenti speciali: “Quattro Canti”, studio scenico di danza di Giuseppe Muscarello dedicato alle figure mitiche Cerere, Bacco, Venere, Eolo (il 25 luglio alle 21.15), “Umano/Poetico/Non stop”, maratona di letture, e performances con Valerio Strati, Gianni Gebbia, Alba Vella, Rosaria Pandolfo, Silvia Giuffrè (26 luglio alle 21.15).

Tutte le iniziative sono gratuite.

IL PROGRAMMA (17-26 luglio 2020)

20-21-22-23 luglio

ore 10.30-17.00

CALATAFIMI SEGESTA-EX CONVENTO DI SAN FRANCESCO

“Tu che mi soffi addosso come il vento”: laboratorio teatrale sulla funzione drammaturgica degli agenti atmosferici nell’epica e nella tragedia greca.

con Lina Prosa e Silvia Giuffré

ore 19

Laboratorio di Drammaturgia Classica e Creazione Contemporanea

Inaugurazione della sede.

21 luglio

BOSCO ANGIMBE’

Ore 17.30-18.30

Passeggiata. Conoscere/Respirare il Bosco.

A cura dell’Associazione Bosco Angimbè

ore 19

Avventurarsi/tra Realtà e Letteratura

con Marina Turco

ore 20

Avventurarsi/tra Panorami e Grilli Musicali.

con Fabrizio Malerba e le attrici del Teatro Studio Attrice/Non

22 luglio

BOSCO ANGIMBE’

Ore 17.30-18.30

Passeggiata. Conoscere/Respirare il Bosco.

A cura dell’Associazione Bosco Angimbè

ore 19

BOSCO ANGIMBE’

Odissea Canto XXIII

Ambientazione sonora nel bosco

con la voce di Maddalena Crippa

24 luglio

ore 11

BIBLIOTECA COMUNALE

Teatro/Pandemia/Umano-Sostenibile

con Federico Butera (professore emerito del Politecnico di Milano) e Paolo Randazzo (professore di Lettere Antiche al Liceo di Noto e di Critica teatrale alla Scuola dell’Inda)

ore 21.15

EX CONVENTO SAN FRANCESCO

Omonia-contemporary Arts

Elettra Fuori dalle Mura

performance di Silvia Giuffré, musiche di Giuseppe Rizzo

ore 21,45

“Tu che mi Soffi Addosso come il Vento”

primo studio scenico con gli attori del Laboratorio Scena Segesta

25 luglio

ore 21.15

Compagnia Giuseppe Muscarello/Muxarte

Quattro Canti/Eolo, Venere, Bacco, Cerere

di e con Giuseppe Muscarello, musiche di Serena Ganci

26 luglio

ore 20

Teatro Cavallotti/Narrazione Esterna di un Teatro chiuso

con Marta Occhipinti e Giulia Cancilla

ore 21-24

Umano/Poetico/Non Stop

con Valerio Strati, Rosaria Pandolfo, Alba Vella, Gianni Gebbia, Fabrizio Malerba, Samuele Pidone.

ore 24

Castello Eufemio/Congiunzioni Paesaggistiche e Astrali