Sicilia. Lo Curto (UDC), vertici orchestra sinfonica siciliana verranno rimossi

146

Palermo – “Le ultime vicende sui costi sostenuti dalla Fondazione orchestra sinfonica siciliana per la trasferta a Taormina, con oltre 400 mila euro di spese a fronte di un incasso al botteghino di soli 10 mila euro, confermano l’assoluta inadeguatezza e incapacità di gestione dell’attuale governance del Teatro Politeama di Palermo, ed è solo l’ultimo episodio di una lunga e non più sopportabile sequenza di atti che compromettono seriamente l’immagine, il prestigio e il futuro della Foss. È drammatico che si continui a sperperare denaro pubblico senza un progetto artistico utile a rilanciare la Foss ed a far ripartire le attività concertistiche dopo lo stop causato dal covid-19. Condivido le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali che in questi giorni hanno paventato anche uno sciopero per denunciare la mala gestio alla Foss, che ad oggi non ha ancora né il bilancio di previsione, né il conto consuntivo. Nonostante gli sforzi profusi dal Governo Musumeci e dall’Assemblea regionale siciliana con gli interventi finanziari fatti anche con la legge di stabilità, la Foss non riesce a superare le criticità che ho denunciato da tempo e che sono state rimarcate anche dagli ispettori inviati dall’Assessore Messina, che sono e saranno oggetto anche delle indagini della Corte dei Conti e della magistratura ordinaria. Ritengo sia arrivato il momento di una scelta adeguata da parte della politica, azzerando i vertici e rimuovendo il sovrintendente. Da mesi ormai la Foss riempie i giornali per l’incapacità e gli scandali di chi la amministra e la ha amministrata recentemente, non a caso in questi giorni ho richiesto un’ulteriore audizione dei vertici della Foss, dei sindacati e della parte politica in Commissione Bilancio dell’Assemblea regionale siciliana. Ci vuole più coraggio a mio giudizio e temerarietà nel mandare avanti così la Foss che non a rimettere tutto in discussione con atti amministrativi trasparenti e procedure per la nomina del sovrintendente e dei vertici che, fuori da logiche di qualsiasi natura, siano ispirate alla necessità e al dovere morale di dare un futuro alla Fondazione ed anche ai suoi artisti e dipendenti”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.