Un mese fa moriva il giudice Roberto De Simone: il ricordo della Camera Civile di Marsala

235

Ad un mese dell’inaspettata morte del giudice Roberto De Simone, già presidente della Commissione Tributaria Provinciale, del Tribunale di Marsala e poi di quello di Trapani, sentiamo il bisogno di ricordare l’eredità che ha lasciato nel campo giudiziario dove ha speso tutta la Sua vita lavorativa. Un’eredità fatta di principi etici e morali che quasi mai enunciava, su cui quasi mai disquisiva, ma che applicava, costantemente, per la tutela e la valorizzazione della persona umana. P

rofondo conoscitore delle leggi, è stato disponibile ed attento nel confronto con le ragioni delle parti e, rifuggendo da preconcette convinzioni personali e da una visione individualistica ed elitaria della propria funzione, ha perseguito la finalità principale della legge che è l’interesse generale della collettività. Con sobrietà e stile si è sempre mantenuto estraneo a qualsiasi situazione opaca o sconveniente. Ha lasciato un unanime riconoscimento di “giudice galantuomo” e di “persona perbene” che, in Sicilia, è il massimo riconoscimento che si tributa ai siciliani migliori. Ne ricorderemo sempre l’onestà intellettuale e l’umanità che era irradiata da una profonda e discreta religiosità, per la quale fu anche nominato socio onorario dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani.

Alla moglie Franca Maria e al figlio Antonio rinnoviamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza.

Per la Camera Civile di Marsala

Avv. Nino Alabiso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.