Un’impresa sportiva ed ecologica quella di Francesco Tocco

“Una traversata all’insegna dell’ecologia e della volontà di ripulire il mare da rifiuti di ogni genere”: è l’impresa che il quarantenne Francesco Tocco, residente a Terrasini, sta compiendo con il suo kayak, termine che indica la tradizionale canoa originariamente utilizzata dagli Inuit.                                 

Una passione che lo accompagna dall’età di tredici anni e che, negli anni, si è arricchita di contenuti ambientalisti. 

“Praticando amatorialmente il kayak – spiega Tocco – ho scoperto le meraviglie della costa di Cinisi e Terrasini insieme alla vergogna dei rifiuti: frigoriferi, copertoni, bottiglie di plastica buttati in mare e sulla costa”.

Dall’amara osservazione del degrado ambientale, prende il via la mission ecologica di Cicciokayak – così è statto ribattezzato Francesco –  che, oggi, venerdì 21 agosto alle ore 8:00, dalla spiaggia di Magaggiari di Cinisi, è partito alla volta di Marsala; nel tragitto, circumnavigherà le isole Egadi. L’arrivo a Marsala è previsto fra lunedì 24 agosto o martedì 25. A raccordarsi con Tocco e il suo staff è l’Assessore allo sport Andrea Baiata.

Un’impresa non del tutto nuova quella iniziata oggi, poichè, di recente, Tocco è stato impegnato in un altra traversata ecologica: è partito da Messina e ha fatto il giro dell’arcipelago delle Eolie

L’obiettivo, nobile, è sempre lo stesso: pulire il mare in kayak, recuperando i rifiuti e portandoli sulla terraferma nei contenitori, un progetto che gli ha consentito di raccogliere una quantità enorme di rifiuti, tale da coprire la superficie del prato di un campo di calcio regolare.