Referendum per il taglio dei Parlamentari, Sen.ce Leone: “Certa destra non potendo più parlare male del governo, preferisce tacere”

Certa destra con i suoi apparati informativi: giornali, tv, pagine fb a pagamento, non potendo più parlare male del governo, preferisce tacere sulle misure adottate per arginare gli effetti del Covid 19 che sono stati diffusi, che sono stati devastanti.

Si preferisce tacere sui tanti aiuti di stato che il governo sta già mettendo in atto da tempo per fronteggiare ai danni arrecati al nostro sistema economico che, ricordiamo, era già stato gravemente minato dalla crisi economica del 2008, crisi finanziaria tutta americana, ma di cui abbiamo dovuto assumerci il nostro carico, con la falcidia di imprese e di posti di lavoro che sono saltati. 

Già quella crisi aveva messo a nudo la nostra debolezza strutturale, e l’esigenza di porvi rimedio.

Ebbene quel nostro finto benessere è stato basato sul debito.

La grande novità di questi nostri ultimi tempi è che i cittadini finalmente hanno compreso quanto il dibattito politico li interessi direttamente e ne influenzi le loro vite individuali.

Questa importante presa di coscienza è la più importante conquista della nostra epoca,  che da sola meriterebbe una menzione nei manuali di storia, e che va senz’altro ascritta al M5S.

Perciò i cittadini sono diventati più esigenti con i loro rappresentanti, magari fossero così esigenti gli elettori degli altri partiti con i loro rappresentanti, avremmo già compiuto la nostra rivoluzione !

Ed invece siamo gli unici ad esporci alle giuste critiche degli elettori che diventano ogni giorno più impellenti.

In Italia sta saltando un intero sistema clientelare che favoriva gli amici e che non teneva conto dell’interesse generale.

Certo interessarsi degli interessi del proprio territorio, per un parlamentare, è una priorità assoluta, ma che va comunque inquadrata in un contesto più ampio e in una prospettiva futura, con lo scopo di realizzare una società più etica ed egalitaria, altrimenti ci si perde in inutili mance elettorali, di cui proprio non abbiamo al momento nessun bisogno. 

Pensate, adoperarsi per il taglio dei parlamentari , significa per me, tagliare il ramo dell’albero di cui sono seduta, ma poco importa perché lo si fa in previsione di un beneficio futuro .

Dire che il taglio equivalga a meno di un caffè al giorno per ogni cittadino italiano nel tentativo di sminuire il significato di questa importante iniziativa è deprimente, perché allora potremmo dire che i 49MLN di euro sottratti dalla Lega equivalgono a poco più di 0, 80 centesimi di euro pro capite. 

E con 0, 80 centesimi oggi che ci compri ?

Ci compri la dignità, caro elettore !