Caos immigrati clandestini in Sicilia, Ugl Catania: “Contrapposizione tra Stato e Regione preoccupante, lavoratori abbandonati, paura che la situazione possa sfuggire di mano”

337

“La contrapposizione che nelle ultime ore si è innescata tra il Governo regionale e quello nazionale, sulla gestione dei clandestini sul territorio siciliano, ci allarma e non poco. Già nei giorni scorsi eravamo intervenuti per evidenziare la preoccupazione degli abitanti dell’area del calatino in cui si stavano svolgendo i lavori per la realizzazione di unatendopoli dove poter ospitare le migliaia di soggetti giunti in Sicilia a bordo di varie imbarcazioni, sottolineando il timore di sicure ripercussioni in termini di tenuta sanitaria, sociale, occupazionale ed economica, oltre che di sicurezza per i lavoratori ed i cittadini. Adesso, dopo quanto accaduto ed i fatti di cronaca che hanno visto protagonisti in negativo immigrati anche nella nostra città di Catania, non possiamo che schierarci a fianco del presidente Nello Musumeci in questa presa di posizione forte a tutela della salute e della sicurezza dei siciliani, ma anche delle migliaia di persone sbarcate in poche settimane nelle nostre coste che meritano rispetto e non di essere ammassati comeanimali all’interno di hotspot. Invochiamo una seria ed immediata presa di posizione da Roma, anche a salvaguardia delle centinaia di operatori delle forze dell’ordine e del comparto sanitario, dei volontari di Protezione civile e di tutti coloro che a vario titolo sono impegnati in questa lotta impari, sententosi abbandonati al fronte da tutti. I lavoratori ela cittadinanza, catanese e non solo, hanno paura che questa situazione così come è gestita possa sfuggire presto di mano e, per questo, dicono basta ai comunicati, ai proclami ed alle soluzioni tampone, chiedendo un’inversione di rotta urgente ed incisiva.” A dichiararlo è Giovanni Musumeci, segretario territoriale della Ugl di Catania, a margine dell’odierna conferenza stampa del governatore siciliano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.