Mazara, sequestro pescatori Libia, la Confsal pesca: “Si ascoltino le volontà dei familiari, il governo si attivi a tutela dei nostri pescherecci”

314

La segreteria generale della Confsal pesca è vicina ai diciotto marittimi dei due pescherecci di Mazara del Vallo sequestrati in Libia e condivide l’iniziativa della mobilitazione dei familiari verso Palazzo Chigi prevista nella giornata di oggi. “Anche noi stiamo seguendo l’evolversi della vicenda – afferma il segretario generale della Confsal pesca Bruno Mariani – e la richiesta di incontro delle famiglie con il premier Conte è più che legittima; più che doveroso riceverli vista la fase delicata del post sequestro. Anche noi attendiamo con trepidazione la liberazione dei pescatori e dei motopesca ‘Antartide’ e ‘Medinea’ sequestrati la sera del primo settembre a 38 miglia dalle coste libiche. Adesso auspichiamo – continua Mariani – che la Farnesina e l’intelligence continuino a fare il loro meglio per arrivare al rilascio dei diciotto marittimi e, pur comprendendo la situazione particolare, crediamo che, a distanza di venti giorni dal sequestro, tutte le soluzioni possibili devono essere messe in campo ascoltando anche le volontà dei familiari dei pescatori coinvolti”.

“La Confsal pesca auspica, inoltre, che i Ministeri competente si attivino affinchè i nostri pescherecci ed i nostri lavoratori siano fortemente tutelati. Non è possibile che la nostra presenza nell’area di pesca del Mediterraneo, sia sempre più a rischio”, conclude il segretario generale Confsal pesca Mariani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.