Parte da Palermo la “Giornata nazionale di lancio della staffetta di scrittura della cittadinanza e della legalità”

199
dig

Parte quest’oggi dalla Sicilia e si dirama in tutto il nostro Paese e in gran parte d’Europa la “Giornata Nazionale di Lancio della Staffetta di Scrittura della Cittadinanza e della Legalità”, è l’evento che la Presidenza dell’Assemblea regionale siciliana in partnership con La Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo, ha organizzato a Palermo. Si tratta di un format attorno al quale si confronta la comunità di pratica educante più vasta d’Europa. Cinquantamila ragazze e ragazzi di scuole italiane, ma anche di altre nazioni europee e continenti, che insieme scriveranno un nuovo racconto. La manifestazione è stata presentata stamane a Palazzo Reale in collegamento con oltre 40 postazioni con alunni, insegnanti, scrittori, politici etc…, alla presenza del presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, e la partecipazione dei delegati delle Istituzioni partner dell’evento.


Per il Presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè “Si tratta di una iniziativa che mette insieme 1200 scuole italiane, 100 di queste siciliane, che avvicina i ragazzi con la scrittura ognuno trasferendo agli altri i propri valori, la propria educazione e la propria tradizione. Sono molto dispiaciuto che siamo soltanto in collegamento internet perché avrei voluto conoscere ognuno di queste persone, di questi ragazzi. Mi riprometto, appena terminerà questa emergenza Covid, di poter ospitare ancora questa manifestazione che coinvolge direttamente circa 50 mila ragazzi italiani”.

Per Andrea Iovino, presidente Bimed, “La manifestazione ha l’obiettivo di creare attraverso la scrittura una coesione sociale mettendo ragazzi e ragazze a scrivere insieme sulla scorta di un modello che è molto semplice, quello che ci ha permesso di avere la costituzione italiana che è stata scritta in gruppo, auspicando che per la prospettiva, attraverso la scrittura, si determini conforto e dialogo, scienza e coscienza”.