Avviso indetto dal Comune di Castelvetrano, l’Ordine degli Ingegneri diffida gli iscritti a partecipare

Dura presa di posizione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Trapani in relazione ad un all’Avviso indetto dal Comune di Castelvetrano: Avviso pubblico finalizzato ad acquisire manifestazioni di interesse per la creazione di una short list di esperti esterni da utilizzare a supporto del Comune di Castelvetrano per la partecipazione a progetti a valere su fondi comunitari, nazionali e regionali.

Nella seduta dello scorso 22 ottobre, il Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Trapani ha deliberato di diffidare i propri iscritti alla partecipazione a tale avviso adducendo una serie di motivazioni.

Secondo l’Ordine degli Ingegneri, l’avviso in oggetto risulterebbe  in contrasto con le Linee Guida Anac n. 4,in quanto non conterebbe “le corrette, necessarie ed essenziali informazioni per potere avviare una indagine di mercato, fornendo solo ridotte, confusionarie e contrastanti indicazioni sia in evidente e netto contrasto con i principi e le procedure stabilite dalla vigente normativa in materia di affidamento di servizi a professionalità esterne all’Ente, dettate dal Codice Appalti” – scrive l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trapani in un’apposita nota.

Altra motivazione evidenziata dallo stesso Ordine è che “non vengono chiesti i requisiti di idoneità professionali ma solo capacità (?) tecniche e professionali che attengono a diversi ambiti professionali non meglio identificati; inoltre non sono definiti i criteri di selezione dei candidati e, dulcis in fundo, non viene indicato alcun valore dell’affidamento ma addirittura viene specificato che si tratta di convenzione con contratto a titolo gratuito e/o la previsione di una somma da erogare in base al buon esito del finanziamento. Peraltro, tale possibilità, subentrerebbe soltanto dopo la valutazione dell’idea progettuale, presupponendo quindi una prestazione gratuita iniziale a fronte di un successivo contratto anch’esso gratuito e/o oneroso ma condizionato all’acquisizione del finanziamento. Appare evidente dunque – scrive l’Ordine  – che la Pubblica Amministrazione in sfregio al vigente codice Appalti, al fine di perseguire l’economicità dell’Ente, non osserva alcuna norma vigente in materia di affidamento di prestazioni professionali, da cui se ne deduce la matrice stante le tematiche e gli ambiti di attività”.

Tutto questo ha portato l’Ordine degli Ingegneri di Trapani a diffidare i propri iscritti ad astenersi dalla partecipazione in qualsiasi forma individuale e/o collettiva alla manifestazione di interesse  in questione, per le motivazioni fin qui addotte, “ a tutela della propria dignità e del proprio decoro professionale” – evidenzia l’Ordine.

Al contempo ha invitato tutti gli ordini professionali a rivolgere un appello e un monito ai propri iscritti affinché anch’essi non partecipino alla manifestazione di interesse che l’Ordine considera “lesiva dei diritti del professionista e di qualsiasi lavoratore”.

“Ciò – conclude la nota – nella considerazione che si può porre fine e freno a questo sistema di “sfruttamento” soltanto con l’astensione massiva alla partecipazione a tali forme di offesa della dignità di qualsiasi lavoratore”.