mercoledì, Febbraio 8, 2023
HomeEconomiaLavoroSanti (Coord. Naz. PSTRP): "È una vergogna,la sanità non è...

Santi (Coord. Naz. PSTRP): “È una vergogna,la sanità non è fatta di soli medici ed infermieri”

Il Coordinamento Nazionale delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione, Fsi-Usae, ha preso atto e stigmatizzato la bozza della legge di bilancio diffusa ieri e delle norme agli art. 65 e 66 (che prevedono la prima, un incremento del ventisette per cento dell’indennità già previste dal Ccnl per i medici e la seconda l’istituzione di una indennità infermieristica dentro la contrattazione collettiva nazionale 2019-2021 del comparto sanità) stigmatizzando l’articolato che giudicano una aberrazione normativa.

“Qui nessuno vuole disconoscere il valore di medici e di infermieri ma quelle norme sono un pugno in un occhio alle altre professioni” dichiara Tania Santi per il Coordinamento Nazionale delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione, che aggiunge: “il Governo, ancora una volta, si dimostra ignorante delle Leggi dello Stato. È una vergogna. La sanità non è fatta di palazzi e macchinari, ma non è fatta nemmeno dai soli medici ed infermieri. La sanità è fatta da tanti professionisti che dentro gli ospedali e sul territorio prestano la loro opera. Ci sono altre 20 (venti) Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione, della Prevenzione e delle Ostetriche che meritano il rispetto del Governo e che, invece, oggi non sono state minimamente considerate. Noi chiediamo per tutte queste professioni la riclassificazione giuridica, la possibilità di fare carriera e la dirigenza: con buona pace per il Governo la risposta che ci viene data non può essere un pugno negli occhi: una rivalutazione delle indennità per i medici ed una mancetta per i soli infermieri. Chiederemo al Parlamento di intervenire e modificare la norma.”

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

ULTIME NEWS