Continua la raccolta delle olive e le attività didattiche all’istituto“Fermi-Eredia”di Catania

22

Anche in piena emergenza Covid-19 il lavoro didattico dell’istituto di istruzione superiore “E.Fermi-F.Eredia” di Catania, pur rispettando  tutte le disposizioni vigenti, non si ferma. Al contrario, prosegue con maggiore convinzione attraverso un numero ridotto di ragazzi e il relativo distanziamento sociale.

 “Vogliamo dare un messaggio ben preciso ai nostri ragazzi- afferma la dirigente prof.ssa Maria Giuseppa Lo Bianco– abbiamo la fortuna di avere l’azienda agraria annessa alla nostra sede di via Del Bosco. Da qui il laboratorio a cielo aperto che ci consente di poter far operare in totale sicurezza”.

La raccolta delle olive, il trasporto al frantoio per la macina e la produzione di olio si aggiunge a quella del vino effettuata in precedenza. Un ulteriore lavoro che ha portato all’imbottigliamento del “rosso”, del “bianco” e del “rosato”.

“Uno dei nostri obiettivi- prosegue la dirigente- è quella di aprirci alle realtà sociali e imprenditoriali della città. Un’azione continua e costante che, pur con evidenti limitazioni, non si ferma nemmeno in questo momento di emergenza. Abbiamo già stabilito dei turni, per l’accesso scaglionato nell’istituto, anche per i ragazzi diversamente abili e con Bes (bisogni educativi speciali) che possono beneficiare così dell’integrazione  e dell’inclusione previsti dalla nostra scuola”.